/ Curiosità

Spazio Annunci della tua città

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Che tempo fa

Cerca nel web

Curiosità | domenica 13 agosto 2017, 16:11

Un pezzo di Moncalieri in Valle Gesso: da oltre cinquant'anni a San Giacomo d'Entracque c'è la Giovane Montagna

E' la casa per le ferie città di Moncalieri, nata negli anni sessanta per iniziativa di alcuni abitanti del paese

C’è un pezzo di Moncalieri tra le montagne della Valle Gesso, in provincia di Cuneo. Da oltre cinquant’anni, infatti, a San Giacomo di Entracque, c’è la Giovane Montagna, la casa per le ferie città di Moncalieri, nata negli anni sessanta per iniziativa di alcuni abitanti della città più grande alle porte di Torino.

Negli anni d’oro questa iniziativa aveva saputo raccogliere oltre 300 iscritti, avendo anche il patrocinio del comune di Moncalieri. Poi, nel corso dei decenni, si è un po’ persa l’affezione, ma oggi resistono comunque una cinquantina di irriducibili affezionati, che in estate vengono nella provincia di Cuneo per trascorrere alcuni giorni di ferie. Tra di loro anche due dei soci fondatori, Mauro Morello e Aldo Magagnotti: entrambi classe 1937, alle soglie degli 80 anni mostrano ancora una invidiabile forma fisica, segno che passare un po’ di giorni respirando l’aria fresca e pulita di queste meravigliose montagne contribuisce a restare giovani.

“I campeggi dei ragazzi delle parrocchie portano qui per qualche giorno anche le giovani leve”, spiega Marco Morello, che è nato a Moncalieri ma da anni ormai risiede nella Granda. “Il problema è che poi quasi tutti non ritornano l’estate dopo, perché preferiscono andare al mare o da altre parti. Tocca a noi veterani mantenere in vita questa tradizione”. L'amico Aldo Magagnotti concorda: "Noi ci siamo sempre, venire lo consideriamo quasi un dovere anche se è soprattutto un piacere, perché si ritrovano gli amici di una vita".

Morello racconta poi come l’impegno di questi 'irriducibili' aiuti a mantenere in buone condizioni questa casa di montagna, poi lancia un appello al sindaco di Moncalieri Paolo Montagna: “Forse non sa neppure dell'esistenza di questa struttura. Ci farebbe piacere se venisse a visitarla e magari a darci una mano. So che l’anno scorso ci sono stati grossi problemi a Moncalieri a causa dell’alluvione, ma qui l’insegna richiama sempre il nome della città”.

Moncalieri è anche il nome del bivacco che si trova a quota 2710, punto di ristoro per chi vuole fare escursioni e raggiungere i ghiacciai e le vette della Valle Gesso. Perché sono molti i torinesi che vengono in ferie da queste parti, anche se a San Giacomo il campeggio è frequentato soprattutto da turisti stranieri, per lo più olandesi e belgi, come testimoniano le targhe di auto e camper.

M.D.M.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore