/ Cuneo e valli

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cuneo e valli | venerdì 18 agosto 2017, 19:22

Il ministro Delrio a Torino annuncia il via libera all'Asti-Cuneo

Nel corso della conferenza stampa si è parlato anche di Tav e della metropolitana

Da sinistra, Balocco, Delrio e Chiamparino

Via libera all'Asti-Cuneo dopo anni di stasi. Lo ha annunciato il ministro Graziano Delrio oggi pomeriggio a Torino, durante una conferenza stampa in Regione insieme al presidente Sergio Chiamparino.

"Il dossier Asti-Cuneo è storico ma ormai è un problema risolto - ha premesso Delrio - alcuni dicono che ci sono 27 anni di ritardo, noi abbiamo lavorato con l'Unione europea perché bisognava revisionare il progetto che aveva dei problemi di over design, di sovra-strutturazione economico finanziaria e architettonica. Abbiamo ragionato su come trovare una soluzione sostenibile - ha proseguito - a Cuneo abbiamo presentato tre ipotesi, mantenimento della galleria di Verduno, esecuzione della stessa a singola canna e mantenimento della variante  ma con l'esterna della galleria, ipotesi questa più sostenibile e alla fine con le popolazioni abbiamo scelto questa terza via".

"Abbiamo iniziato a lavorarci - ha spiegato il ministro - e aperto un piano, si può cominciare con il cantiere e sulla parte nuova ci saranno indagini geognostiche e valutazioni di impatto ambientale. Manderemo a fine mese documenti a Bruxelles ed entro 2017 sarà conclusa la pratica formale, ma i cantieri possono già iniziare nel frattempo".

"L'opera porterà beneficio al sistema autostradale piemontese", ha aggiunto Delrio,che poi ha precisato che l'opera prevede una "variante esterna di sette chilometri, 4 o 5 restano uguali e una parte va in variante. L'accordo con l'Europa è che verranno stanziati 500 milioni di euro, 320 sull' Asti Cuneo e 180 milioni sull'A4. Il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino ha dichiarato: "Con un sistema complesso procedurale e l’accordo dell’Ue, si è giunti alla fine alla Asti-Cuneo, entro l’anno saremo in grado di mettere i sigilli su un’intesa che permetterà di completare l’opera e questo rivoluzionerà l’intero sistema autostradale piemontese".

Nel corso della conferenza stampa Delrio e Chiamaprino hanno parlato anche di Tav e della metropolitana di Torino.

Elisa Sola (www.torinoggi.it)

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore