/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

DELTA Gold diesel anno 09/2011 km 87.000 colore blu con cambio automatico 6 marce e con possibilità di usare il cambio...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 14 settembre 2017, 07:15

Succursale del Museo Egizio a Mondovì? "Ne ho parlato con il sindaco, il progetto gli piace"

L'imprenditore monregalese Enzo Garelli, che nei mesi scorsi ha lanciato l'idea di ospitare presso la Cittadella i reperti non esposti a Torino, ha incontrato il primo cittadino: ecco cosa è emerso dal confronto

"Nei giorni scorsi ho incontrato il sindaco Paolo Adriano": a parlare così è l'imprenditore monregalese Enzo Garelli, 74 anni, che nei mesi passati ha lanciato sui social e non solo l'idea di rendere la Cittadella di Mondovì, oggi abbandonata e fatiscente, una succursale del Museo Egizio di Torino, esponendo al suo interno i reperti che non trovano collocazione all'ombra della Mole Antonelliana (clicca qui per approfondire la notizia).

Un'intuizione che, in prima battuta, ha ottenuto il placet del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, al quale il signor Garelli si è rivolto via posta tradizionale per comprendere la fattibilità del progetto, e che ora ha raccolto il parere positivo del primo cittadino della città del Belvedere: "Devo dire che è stato un colloquio fattivo, durato circa tre ore, da cui è emerso un positivo apprezzamento nei confronti della mia idea di creare una sede distaccata del Museo Egizio di Torino a Mondovì. Il sindaco coinvolgerà l'assessore competente e i suoi collaboratori comunali  la Fondazione CRC e, non ultimo, il Museo Egizio di Torino per verificare la disponibilità e i margini di manovra esistenti".  

Non solo: "La cosa più importante - aggiunge Garelli - è che il nostro sindaco è intenzionato a creare a Mondovì una grande opera per la città e per il territorio, in modo da poter sfruttare le presenze turistiche delle Langhe, delle nostre amate montagne, del castello di Racconigi. Puntiamo tutti insieme sul turismo a Mondovì: lo merita soprattutto Mondovì Piazza. Crediamoci per i nostri figli e nipoti".

Nonostante l'idea sia condivisibile (e condivisa da più parti), al momento è vietato lasciarsi andare a facili entusiasmi: traguardare un simile obiettivo significa disputare una partita che vedrà schierati in campo numerosi attori, senza che vi siano certezze assolute sul risultato finale. Serviranno razionalità, diplomazia e tanto lavoro per concretizzare quello che ad oggi può essere classificato come un sogno, ma che domani potrebbe tingere di rosa il futuro di Mondovì.

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore