/ Alba e Langhe

Alba e Langhe | 19 settembre 2017, 10:47

Servizio idrico: Barolo, Treiso e Castiglione Falletto contrari al voto di Marello sull'adozione del Piano d'Ambito

Alcuni comuni dell’area omogenea dell’albese avrebbe preferito una proroga. Come da decisione della conferenza Ato4 ci saranno 90 giorni di tempo per apportare migliorie e osservazioni al Piano d'Ambito

Servizio idrico: Barolo, Treiso e Castiglione Falletto contrari al voto di Marello sull'adozione del Piano d'Ambito

Il sindaco di Alba, rappresentante dell’area omogenea dell’albese, ha scelto. Il suo voto è parte di quell’82% che, nel corso della conferenza dell’Ato4, ha portato all’adozione del piano d’ambito relativo al servizio idrico integrato della Provincia di Cuneo. 

“Ho votato a favore perchè noi abbiamo bisogno di arrivare il più in fretta possibile ad avere la nuova gestione – ha dichiarato Marello al nostro giornale (GUARDA L'INTERVISTA VIDEO)-. Le nostre reti idriche hanno bisogno di interventi. È interesse dele nostre comunità questo percorso si chiuda in tempi congrui in modo tale di avere certezze per il futuro”.

Non tutti i comuni dell’area omogenea dell’albese, però, sono d’accordo con la posizione espressa da Marello.

Renata Bianco veste la fascia tricolore del comune di Barolo. Le sue parole: ”Abbiamo ricevuto il piano degli investimenti durante la pausa estiva. Credo che, vista l’importanza del piano, che regolamenterà i prossimi 30 anni, siano necessarie valutazioni precise e puntuali. Noi, come comune di Barolo, siamo allineati nelle intenzioni e nelle idee con tutta l’Unione dei comuni colline di Langa e del Barolo, ma abbiamo delle perplessità. Queste riguardano, soprattutto, le eventuali operazioni di manutenzione sull’esistente. Per queste ragioni, abbiamo incontrato il sindaco pochi giorni prima del voto, e poi gli abbiamo fatto pervenire un documento scritto, chiedendo un rinvio”. La richiesta non è stata accolta.

Lorenzo Meinardi, sindaco di Treiso. “Confermo il problema e la preoccupazione relativi alla manutenzione e all’eventuale sostituzione del vecchio. Con il nuovo piano, non ci saranno i soldi per cambiare le tubazioni e per fare ciò che si dovrebbe. Come per costruire una casa, sarebbe stato necessario partire dalle basi”.

Paolo Borgogno è alla guida del comune di Castiglione Falletto. La sue parole: ”Avremmo voluto solo approfondire il tema. Visto l’esisto della votazione, avvieremo presto un incontro con gli altri sindaci dell’Unione. A seguire, uno con il sindaco di Alba Maurizio Marello. Il territorio va ascoltato”.

Come da decisione della conferenza Ato4 ci saranno 90 giorni di tempo per apportare migliorie e osservazioni al Piano d'Ambito adottato lunedì 11 settembre 2017.

Manuela Anfosso

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium