/ Monregalese

Monregalese | 19 settembre 2017, 18:45

Villanova Mondovì: grande successo per il trentennale della mostra espositiva zootecnica

Il riconoscimento di ‘vacca regina’ al capo di Giulio Griseri

Alcune immagini della mostra zootecnica

Alcune immagini della mostra zootecnica

Come sempre un lunedì, ormai una tradizione che si perde nel tempo, a segnare, quasi ‘leggendariamente’, il cambio di stagione, il passaggio dalle malghe alpine ai territori di pianura per la stagione invernale.

Anche quest’anno la tradizionale ‘Festa dell’Addolorata’, svoltasi tra il 15 ed il 18 settembre, è culminata, nella giornata di ieri, con la proclamazione della ‘vacca regina’ nell’ambito della mostra espositiva zootecnica - nata nel 1988 con l’intento di valorizzare la razza bovina piemontese - che ha visto, quest’anno, l’esposizione di oltre cento esemplari provenienti da ogni territorio della provincia di Cuneo.

Il riconoscimento di ‘vacca regina’, in particolare, è andato al capo di nome Speranza (già vincitrice nel 2006), dell’allevatore Giulio Griseri. La manifestazione si è poi conclusa ieri sera, al teatro “Garelli”, con il convegno ‘30 anni di rassegna zootecnica’, promosso col fine di festeggiare il trentennale della mostra espositiva zootecnica (1988-2017): sul palco, moderati dal giornalista Giovanni Battista Rulfi, esperti del mondo agricolo e zootecnico, tra cui Delia Revelli, presidente provinciale e regionale della Coldiretti, Bartolomeo Bovetti (Associazione Regionale Allevatori Piemonte), Giorgio Marega, direttore del Coalvi, Guido Garnero (Anaborapi), Elio Gasco, segretario di zona Mondovì-Ceva della Coldiretti, e Daniele Fenoglio, delegato di zona Villanova Mondovì della Coldiretti.

Insieme a loro, il sindaco di Villanova, Michelangelo Turco, l'assessore al Turismo ed alle Manifestazioni, Michele Pianetta, l'assessore all'Agricoltura, Edoardo Vadda Dardanelli, la consigliera comunale Luisella Bergerone, gli ex assessori Roberto Murizasco ed Antonio Robaldo e la presidente della Cooperativa Allevatori Villanovesi, Fiorella Massucco.

È stato, inoltre, ricordato Giorgio Boetti, già vicesindaco, assessore all'Agricoltura e dirigente di Coldiretti, consegnando una targa alla sua memoria alla figlia Caterina.

"E’ stata una Festa dell’Addolorata fortunata - commentano il sindaco, Michelangelo Turco, e l’assessore alle Manifestazioni del Comune di Villanova Mondovì, Michele Pianetta - sia come risposta del pubblico che come attrazioneverso l’esterno. E’ indubbio che l’esposizione del lunedìrappresenta il cuore dellamanifestazione, laddove il presente si fonde con la tradizione. Siamo soddisfatti, anche quest’anno, sia dei numeri dei capi esposti che della forte partecipazionepopolare».

All’insegna del giusto “mix” tra innovazione e tradizione: "La celebrazionedella ‘rassegna espositiva zootecnica’ al teatro “Garelli” - rilevano Turco e Pianetta - ha garantito agli intervenuti non solo un prezioso feedback sul passato, con il giustoriconoscimento per gli amministratori che hanno profuso impegno nel tempo, maanche un momento di approfondimento sociale e culturale.

Vi è la volontà, come Amministrazione comunale, di far crescere sempre di più questo appuntamento pernoi così importante, puntando, anche per il futuro, sui due aspetti più significativi: lavalorizzazione della rassegna zootecnica ed il coinvolgimento dei produttori locali».

Ottimo riscontro per i tanti eventi propedeutici alla ‘Festa dell’Addolorata’. Il programma è stato caratterizzato, nei primi due giorni, da ‘Benvenuti Diciottenni’, con la consegna del tricolore ai neo-maggiorenni - e dalla terza edizione di ‘Mangiar Vicino, degustiamoci attorno’, organizzato assieme alla Condotta SlowFood del Monregalese ed alla Confraternita della Trippa e della Rustìa di Villanova Mondovì per ricordare il compianto Gianni Ferrero, già fiduciario della Condotta monregalese.

A seguire grande successo, sabato, per la ‘festa dei trent’anni del Villanova Volley’ e domenica per il ‘Memorial Vincenzo Tomatis’, torneo di volley dedicato alle formazioni di serie C e D maschili, nonché per la tradizionale processione devozionale ‘in notturna’, accompagnata dalle note della Filarmonica Villanovese.

Il tutto per rendere la ‘Festa dell’Addolorata’ un momento di tradizione e dicultura, in grado di valorizzare e promuovere i prodotti locali e di far conosceresempre di più Villanova Mondovì e le sue peculiarità.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium