/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 22 settembre 2017, 15:03

La Polizia Penitenziaria compie 200 anni: in festa il personale del "Cerialdo" (FOTO E VIDEO)

Il direttore Mazzeo ha ben fotografato la situazione attuale riferita ai detenuti: "La stragrande maggioranza di loro partecipa positivamente alle attività proposte"

La Polizia Penitenziaria ha festeggiato oggi (venerdì 22 settembre), alle 10 del mattino, il proprio bicentenario della fondazione, con un ampio momento di condivisione, ringraziamento e riflessione tenutosi nella caserma degli agenti di custodia del carcere cuneese del Cerialdo.

Presenti diverse autorità civili, militari e religiose, che hanno ascoltato il messaggio inviato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il messagio di Santi Consolo (capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria del Ministero della Giustizia); quindi Erminia Froio (comandante della casa circondariale) e il dottor Claudio Mazzeo (direttore del carcere) si sono ritagliati alcuni minuti per ringraziare il personale della struttura e per fotografare la situazione attuale.

"Non possiamo non sottolineare come a giugno e luglio ci siano stati alcuni momenti di seria gravità, all'interno della nostra struttura, - ha sottolineato il direttore - : criticità che sono simili e conseguenti a quelle che vive la società civile, sempre più eterogenea dal punto di vista dell'etnia e delle culture, e sempre più complessa. Voglio però tranquillizzare tutti; la stragrande maggioranza dei detenuti conserva un comportamento idoneo e partecipa alle attività proposte all'interno del carcere."

Spazio anche al rinfresco, offerto dai detenuti che partecipano alle attività legate alla scuola alberghiera.

simone giraudi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore