/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche...

Società di trasporti a Torino assume autista di scarrabile e bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail ...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 25 settembre 2017, 17:56

Viabilità tra Liguria e Piemonte: si va verso la doppia soluzione sul ponte che collega Briga Alta a Monesi

Oggi sopralluogo a Monesi e vertice congiunto a Ormea tra amministratori e tecnici delle due regioni. La riunione verrà aggiornata in data 4 ottobre

Si va verso la doppia soluzione su ponte Bavera, l’unica via di collegamento tra Briga Alta e Monesi di Triora. Questo è quanto è emerso al termine del vertice congiunto tra amministratori e tecnici liguri e piemontesi che si è tenuto in comune a Ormea, per il ripristino della viabilità sulla provinciale che collega le due regioni, interrotta dopo l’evento franoso dello scorso novembre che ha interessato principalmente Monesi, colpita da una paleofrana, oggetto di un sopralluogo di questa mattina.

Due le soluzioni che potrebbero essere entrambe adottate, quella della Regione Liguria che prevede il ripristino del ponte e quella piemontese che prevede una passerella. Lo ha spiegato l’Assessore alla Protezione Civile della Regione Liguria Giacomo Giampedrone. “Se fossero compatibili, anche economicamente con uno sforzo di Regione Liguria e Piemonte, non è escluso che si possano portare a compimento entrambe. Una serve di più a un percorso già esistente, l’altra sarebbe un percorso da ripristinare con un adeguamento infrastrutturale di una strada bianca che ci consentirebbe di fare alcuni interventi che servirebbero alle zone limitrofe”.

Giampedrone non ha definito i costi del doppio intervento, che dovrebbero comunque ammontare ad alcune centinaia di migliaia di euro.

All’incontro ha partecipato anche Marco Perosino, consigliere delegato alla viabilità per la Provincia di Cuneo. “Oggi ci siamo mossi in massa, tutte le autorità competenti. Si è presa una decisione che deve essere approfondita dal punto di vista tecnico. Dobbiamo ribadire che per la situazione molto delicata, l’approfondimento tecnico è necessario, ma ci siamo dati tempi tecnici molto stretti, e alla fine potremo stabilire se tutto si può fare. C’è una questione di tempi perché siamo in montagna e sopravviene l’inverno, se non si agisce con il sistema dell’ordinanza della Protezione Civile, in scadenza, si agisce per le vie ordinarie. Io credo che i tecnici possano dirci se possiamo sistemare i due ponti. Io personalmente sul ponte grande ho qualche riserva, ma non sono un tecnico. Sul ponte a valle, invece, credo che l’intervento possa essere effettuato con una spesa relativa e in tempi relativamente brevi, e possa essere una soluzione che rimarrà anche dopo il recupero del ponte grande”.

Guarda le interviste video:


“Positivo – ha commentato il presidente della provincia di Imperia Fabio Nattache gli enti locali si parlino tra loro. Quando si lavora insieme, come oggi, si costruisce un percorso per risolvere i problemi urgenti, primo fra tutti il collegamento tra Piemonte e Liguria. Ci sono ostacoli più di natura tecnica che finanziaria, i tecnici si sono dati appuntamento a brevissimo tempo per cercare di trovare una soluzione anche più di una al problema del collegamento”.

Sul discorso viabilità a Monesi, Natta ha riferito “Esiste un altro progetto già realizzato e in fase di appalto, dove entra in gioco il Comune di Mendtica come ente attuatore”.

Le parti si sono date nuovamente appuntamento il prossimo 4 ottobre, molto probabilmente in Regione Liguria.

Carlo Alessi - Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore