/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 19 ottobre 2017, 20:43

Cicloturismo in Granda: alla Casa del Turismo il convegno dedicato

Appuntamento per venerdì 27 ottobre in via Pascal

Per fare il punto della situazione - nell'ambito di un settore turistico in continua crescita -, il Conitours con il suo Club di prodotto Cuneo Bike Experience e  la Confcommercio in collaborazione con il Settore ambiente e trasporti del Comune di Cuneo e gli altri partner del progetto Alcotra, organizzano per Venerdì 27 ottobre a Cuneo - presso la Bike Room nella Casa del Turismo, in via Pascal 7 - una giornata dedicata al cicloturismo dal titolo “Cicloturismo in Granda: sviluppo e opportunità per il territorio e il mondo delle impresa".  

L’occasione sarà un momento utile per condividere, confrontarsi e aggiornarsi su tutte le iniziative, pubbliche e private, che interessano la provincia di Cuneo, con particolare attenzione al territorio dell’ATL cuneese. 

"Il cicloturismo è una grande risorsa per il nostro territorio, che continuerà a crescere nel prossimo futuro - ha sottolineato il presidente provinciale Confcommercio Cuneo, Luca Chiapella - , grazie anche a tutte le azioni messe in campo da Confcommercio e Conitours che da sempre credono nelle potenzialità del cicloturismo. Per questo da tempo stiamo lavorando per sviluppare un progetto che comprenda Cuneo e le sue vallate, grazie anche alla costituzione del Club di prodotto, ossia una rete dedicata agli appassionati del cicloturismo, realizzata da Conitours dove gli iscritti al Club, che per ora sono oltre cento, hanno in comune la capacità specifica di offrire e proporre dei servizi agli appassionati delle due ruote a pedali: alberghi e ristoranti, rifugi e campeggi, bike service e anche servizio di guide sui percorsi cicloturistici del Cuneese."

"Una bella iniziativa - conclude il presidente Chiapella - che sottolinea un ottimo gioco di squadra che soddisfa e testimonia il crescente interesse verso il cicloturismo."

Il Conitours, consorzio degli operatori turistici, si fa promotore di questo evento dedicato al settore  del Turismo in Bicicletta, consapevoli delle potenzialità di sviluppo negli anni a venire. I dati e le tendenze per questo settore confermano il forte interesse di una domanda turistica sempre più evoluta ed esigente, in questo senso il cicloturismo sembra mantenere un alto ritmo di crescita, soprattutto rispetto ai mercati esteri.

"Sicuramente se fosse assegnato l'Oscar del cicloturismo nel 2017 la provincia di Cuneo sarebbe nella top list come una delle più virtuose per iniziative riservate alla mobilità sostenibile e per aver messo in campo importanti iniziative di carattere promozionale e non solo - spiega soddisfatto il presidente Conitours Beppe Carlevalis - . Tanto lavoro è stato fatto:  ricordo il progetto Europeo Reval che ha portato alla costituzione del Club di Prodotto “Cuneo Bike Experience, targato Conitours, la prima rete di servizi dedicata al cicloturista che ha messo insieme imprese e attori pubblici, con oltre cento imprese coinvolte sotto la regia di Conitours, Confcommercio e ATL del Cuneese e Comune di Cuneo. Tanto lavoro resta da fare, ricordo il nostro patrimonio cicloturistico, con centinaia di km di strade bianche e asfaltate che si snodano tra castelli, città d’arte e sulle nostre entusiasmanti montagne, per arrivare fino al mare con la Limone–Monesi. La promozione è importante ma la manutenzione dei percorsi lo è altrettanto. Il convegno che organizziamo vuole essere un momento di confronto tra pubblico e privato utile a fare il punto sulle iniziative intraprese e su quelle da mettere in campo per il futuro."

"Per dirla in sintesi - conclude il presidente Carlevaris con una battuta - . Abbiamo voluto la bici? Adesso pedaliamo, ma tutti insieme!"

I progetti pubblici - Alcotra – in particolare REVAL e VELOVISO’ uniti alle varie misure di finanziamento pubblico - come la legge 18 e il GAL - hanno permesso l’infrastrutturazione del sistema privato che darà un forte impulso alla qualità dell’offerta che andremo a presentare nei mercati nazionali e internazionali.

"Il cicloturismo per Cuneo e le sue vallate, è ormai una realtà che può, anzi deve ulteriormente essere sviluppata - precisa Davide Dalmasso, assessore alla Mobilità e all'Ambiente del Comune di Cuneo - . Prendendo spunto da altre risorse del nostro territorio, come per esempio l'enogastronomia, anche in questo caso è importante creare un sistema, fare rete. Per questo il Comune di Cuneo ha creato una rete di 600 chilometri in torno alla città, percorribili in bici in sicurezza, recuperando strade secondarie anche dei comuni limitrofi, proprio per creare una sinergica continuità. La nostra città, poi, ha fatto e farà ancora molto per sostenere il cicloturismo per turisti ed appassionati ma anche per sostenere e dare un nuovo impulso alla volontà dei cuneesi di muoversi in bici, per creare una mobilita leggera, sostenibile e non inquinante."

"Abbiamo certificato - conclude l'assessore Dalmasso - attraverso il dispositivo per il conteggio del passaggio delle bici in corso Nizza che ogni giorno ci sono dalle mille alle mille e cinquecento biciclette che attraversano il corso cittadino. Un numero alto, che sottolinea la volontà anche del cuneese di utilizzare la bici come mezzo di trasporti. L'introduzione delle bici elettrice, poi, ha fatto sì che anche dalle frazioni ci si possa recare in centro senza prendere l'auto e con poca fatica."

Sembra quindi ormai scontato che il futuro del turismo cuneese - ma anche una parte della sua mobilità interna - pedala sulle due ruote. Intanto, proprio in questi giorni, presso la room Bike, nella Casa del Turismo in piazza Pascal a Cuneo, è stata inaugurata una bacheca sui servizi al cicloturista con testi in quattro lingue

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore