/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 21 ottobre 2017, 08:48

Un ricco fine settimana da trascorrere in Granda

Regina indiscussa la regina dei boschi, la castagna. A Borog San Dalmazzo si svolge la sesta edizione della Fiera Cuneo Sposi

Un ricco fine settimana da trascorrere in Granda

Tanti appuntamenti in questo weekend ottobrino, che vede ancora protagonista la castagna in molte località della provincia. A Borgo San Dalmazzo si svolge la sesta edizione della Fiera Cuneo Sposi. Un ricco weekend a Palazzo Bertello: i futuri sposi avranno l’opportunità di incontrare e confrontarsi con oltre 40 aziende fra le più importanti ed esperte del settore delle nozze e del matrimonio. Le coppie che visiteranno la Fiera Cuneo Sposi troveranno ciò che desiderano attraverso un primo incontro informale con l’azienda direttamente in fiera e approfitteranno delle offerte e promozioni da parte degli espositori.

Gli eventi e gli approfondimenti proposti durante la fiera permettono agli sposi di conoscere, capire meglio, ascoltare e assaggiare la qualità e l’esperienza di tutte le aziende espositrici.

A Rifreddo torna l'ormai attesissimo appuntamento con LE NOTTI DELLE STREGHE: l’evento clou è “Terrore nel Borgo”, a partire dalle ore 19.45 di sabato 21, con i visitatori intenti a vagare per le vie completamente buie di Rifreddo, accompagnati solo da un fantasma muto armato di torcia a vento, ed incontrare streghe, masche ed altri strani esseri delle magiche tradizioni del Monte Bracco.

Ad Alba un evento a metà tra lo sport e le grandi celebrazioni: il 21 ottobre parte sarà grande feste per il centenario dell'Albese, squadra che milita in Eccellenza ma che ha un glorioso passato in serie C. La giornata vedrà scendere in campo le vecchie glorie dell'albese alle 15; in campo una mostra sulla storia della squadra e poi, a seguire, brindisi e cena finale.

Sempre ad Alba continua la grande fiera del tartufo bianco, con tantissimi appuntamenti in città. Per conoscerli tutti http://www.fieradeltartufo.org/2017/it/

Sabato 21 ottobre la castagna, simbolo del piccolo Comune di Venasca, diventa “d’Oro”: l’ormai tradizionale riconoscimento anche quest’anno verrà assegnato dall’Amministrazione comunale a chi si è distinto per la valorizzazione di questo prodotto. Il pomeriggio prenderà il via alle 14.30 con la tavola rotonda, incentrata sul tema “castagna”, condotta dall’illustre critico enogastronomico Paolo Massobrio. Seguirà quindi la consegna della castagna d’oro, di fronte al nuovo ufficio turistico del Comune di Venasca, che ha trovato posto in piazza Martiri nei locali dell’ex Peso pubblico, inaugurato proprio in occasione della festa dedicata al prodotto simbolo del territorio.   

Seguirà nella stessa sede la degustazione del nuovo panettone Marron Noir, presentato nel mese di maggio a Tuttofood a Milano e poi un mese fa a New York, che in occasione della mostra mercato sarà proposto ai presenti dal maestro pasticcere Nicola Fiasconaro, accompagnato dal figlio Mario in uno showcooking dal vivo. Proprio a Venasca Nicola Fiasconaro ha selezionato le migliori castagne per farcire il suo nuovo panettone, nato per salutare il Natale 2017: il MarronNoir, un sontuoso dolce al Marron Glacé, ovvero il frutto di quella particolare lavorazione della castagna sciroppata e poi coperta da una glassa di zucchero. Sabato sera alle ore 20.30 seguirà la cena a base di prodotti del territorio sotto il Palacastagna.

Domenica ancora una giornata ricca di appuntamenti: le tradizionali bancarelle riempiranno di colori e sapori le vie del paese, mentre suoni e balli allieteranno la giornata. Appuntamenti speciali il Laboratorio sensoriale, a cura dell’Unione Ciechi di Cuneo (presso le scuole elementari dalle 15.00 alle 17.00) e lo spettacolo “il Flauto magico”, realizzato dagli insegnanti dell’Istituto Musicale Venasca-Valle Varaita (salone comunale ore 15.30 e 17). è in programma anche l’apertura straordinaria della Fabbrica dei Suoni (visite ore 15 e 17). 

A Chiusa Pesio tradizionale festa in onore del “Re Marrone”, prodotto tipico della Valle Pesio. Il programma prevede l’esposizione d’arte ed artigianato locale, stand gastronomici con prodotti tipici, degustazioni di castagne e môndài, vin brulé e dolci, musica e balli popolari. Sabato 21 ottobre: merenda del mondaié e polentata. Domenica 22 ottobre: mercatino per tutto il centro storico e Pranzo del Re Marrone. Castagne anche a Bernezzo, il 22 ottobre, con la mostra-mercato dei prodotti tipici, la distribuzione di mundaj, frittelle di mele e sangria, musica e balli occitani.

Nel centro storico di Ormea si parla di biodiversità e frutti antichi (mele, uva, castagne e non solo) nell’ambito di conferenze ed esperienze. Mostra-mercato di frutta biologica nella giornata di domenica.

Catagne ancoraa Montaldo Mondovì, in frazione Sant'Anna Collarea: la manifestazione prevede, oltre alla partecipazione di espositori e produttori locali, la possibilità di degustare i prodotti tipici locali che insieme alla castagna tramandano antichi sapori: il Brus, la Raschera, la polenta e le paste di meliga. A Casteldelfino e ancora a Garessio, tra mostre, caldarrostai, artisti di strada, musica, transumanza, percorsi enogastronomici a tema, mercatini con prodotti di valle, feste per tutto il mese, convegni e incontri a tema. Sabato 7 ottobre dalle 18.30 passeggiata enogastronomica serale al Borgo Valsorda, domenica 8 ottobre castagnate al Borgo Maggiore dalle 15.00, sabato 21 e domenica 22 ottobre transumanza.

Festa anche a San Damiano Macra: il programma prevede alle ore 21 del sabato rassegna corale “Canto L’Outoun” organizzata dal Gruppo Corale “La Reis”; la domenica esposizione e vendita di prodotti agricoli ed artigianali delle Valli Occitane, balli occitani, rievocazione degli antichi mestieri, distribuzione di mundaj e vin brulé.

Tutto pronto per la Sagra del Coj 2017: per Margarita questo risulta essere l'appuntamento più importante del paese. Gran Galà del Coj presso il ristorante la Feriera da Nona, con il quale si aprono i festeggiamenti, il sabato sera. Avverrà una presentazione ufficiale della manifestazione da parte delle autorità e della Proloco, che proseguirà con una cena in cui il protagonista delle ricette tradizionali in tutte le loro possibili interpretazioni sarà il Coj. L'ospite della cena sarà la salsiccia di Vottignasco, dato che i due paesi del cuneese hanno iniziato da tempo un percorso di amicizia e collaborazione.

Tale collaborazione sarà festeggiata domenica mattina, quando la manifestazione entrerà nel vivo, dove dopo la Messa l'Amministrazione Comunale inaugurerà la 13° Sagra del Coj con il taglio del nastro, in compagnia di Miss e Mister testa di Coj e della banda musicale di Morozzo.

Successivamente si terranno le premiazioni dei produttori locali e sarà consegnato il "Cavolo d'argento", uno speciale premio assegnato a quelle persone che si sono distinte nel campo sociale e promozione del territorio comunale, contribuendo alla crescita e sviluppo dello stesso; saranno inoltre presentati i lavori di restauro compiuti negli ultimi mesi sulla torre civica di Margarita.

Dopo il pranzo, ancora una volta a base di Coj e salsiccia, proseguiranno i festeggiamenti per le vie del paese, dove non mancheranno attrazioni come lo Zoo del Coj, caldarroste, vin brulè, la mostra "Ricordi di carta e sogni di legno", e bancarelle e stand con il meglio della produzione enogastronomica del territorio.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium