/ CSV informa

Che tempo fa

Cerca nel web

CSV informa | 27 ottobre 2017, 13:43

348 associazioni socie hanno votato il cambio di statuto del Csv Cuneo. Il presidente Figoni: “Ha vinto l'associazionismo e il volontariato della Granda”

Ieri sera a Marene si è svolta l'assemblea straordinaria. Modifiche statuarie approvate all’unanimità ed essenziali per la sopravvivenza del CSV

348 associazioni socie hanno votato il cambio di statuto del Csv Cuneo. Il presidente Figoni: “Ha vinto l'associazionismo e il volontariato della Granda”

Hanno votato 348 associazioni socie su 388. All'unanimità. Una partecipazione senza precedenti ieri sera a Marene ha portato al cambio di statuto del Centro Servizi per il Volontariato di Cuneo. Ora finalmente ci sono i presupposti per chiedere alla Regione Piemonte la personalità giuridica e mantenere l'autonomia.

Le organizzazioni di volontariato hanno risposto in massa all'appello del presidente CSV Cuneo Mario Figoni.

“Il senso di responsabilità e urgenza è stato colto - ha dichiarato il presidente CSV Cuneo Mario Figoni -. Si è deciso in senso positivo il destino del volontariato in Granda. Personalmente sono molto soddisfatto ma soprattutto vorrei sottolineare che ha vinto l'associazionismo e il volontariato della provincia di Cuneo. È passato il senso di unità per decidere il destino di migliaia di volontari e di decine di migliaia di persone che beneficiano ogni giorno del lavoro dei volontari”.

All'assemblea straordinaria del 26 ottobre serviva il voto dei due terzi delle 388 associazioni socie: il quorum necessario per poter cambiare lo statuto, un documento precedente al 2002. È stato aggiornato in tanti suoi aspetti per poter chiedere alla Regione la personalità giuridica. Una condizione necessaria per garantire la sopravvivenza del CSV, concorrere all'accreditamento e adeguarsi alla Riforma del Terzo Settore.

Senza questo fondamentale passaggio, il volontariato di Cuneo sarebbe stato assorbito da un altro CSV (idealmente quello di Alessandria-Asti) e avrebbe rischiato una conseguente diminuzione delle risorse e un problema di logistica enorme.

Sono oltre 900 le associazioni e migliaia i volontari che operano sul territorio a favore di tutta la popolazione: il CSV è a servizio di questo mondo meraviglioso e vuole continuare ad operare per dare forza e far crescere la parte migliore della nostra società – conclude Figoni -. Ringrazio anche tutte le associazioni non socie che hanno voluto essere presenti e dare comunque il loro supporto, erano tante e spero che presto entreranno nella compagine associativa del CSV: vogliamo scrivere il nostro futuro insieme a tutto il volontariato”.

Nel corso della serata è stato inoltre presentato il Bilancio sociale 2017 del CSV riferito all’attività 2016. Guardando avanti nella stessa direzione in cui stanno andando i giovani e la società, senza trascurare come sta cambiando la comunicazione, il fattore del risparmio economico e l’impatto ambientale, si è scelto di pubblicare il Bilancio esclusivamente online sul sito www.csvsocsolidale.it.

cristina mazzariello

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium