/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | martedì 14 novembre 2017, 15:03

Borgo San Dalmazzo, assolta coppia a processo per estorsione

L’uomo che li aveva denunciati aveva detto di essere stato ricattato dalla ragazza: “Se non mi consegni i tuoi anelli e collane ti denuncio per molestie sessuali”

Un cinquantenne residente in Valle Stura li aveva denunciati raccontando di essere stato vittima di un ricatto: Quella ragazza mi aveva avvicinato al mercato di Borgo chiedendo se potevo accompagnarla alla stazione. Ma quando era scesa dall'auto si era messa a urlare 'non mi toccare, sono incinta'. Minacciò che se non le avessi dato le collane e gli anelli d'oro che indossavo mi avrebbe denunciato per averla molestata. Nel frattempo arrivò un uomo che teneva una mano in tasca. Ero spaventato, gli lasciai i miei ori e corsi a denunciarli”.

I due imputati, M.C., 24 anni e il marito P.C., 26 anni, di nazionalità rumena, sono stati assolti dall’accusa di estorsione, per fatti accaduti nell’aprile 2013. Il pm Francesca Nanni aveva chiesto la condanna a 3 anni per la sola M.C.

L’accusa si basava principalmente sulle dichiarazioni della presunta vittima che, secondo il difensore Antonio Tripodi, sarebbe stato influenzato nel riconoscimento avvenuto poco tempo dopo, quando i due erano stati fermati dalla polizia ferroviaria a Cuneo mentre scendevano dal treno proveniente da Borgo. M.C. in due anni era stata denunciata cinque volte per aver avvicinato uomini a cui proponeva prestazioni sessuali per poi ricattarli.

M.C. e P.C. sono stati anche prosciolti dall’accusa di ricettazione. In casa loro era stata trovata una borsa che era stata rubata ad una cuneese in piazza Galimberti il 4 luglio 2013, durante un evento. Fu appropriazione indebita, un reato che è stato depenalizzato.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore