/ Cuneo e valli

Che tempo fa

Cerca nel web

Cuneo e valli | martedì 14 novembre 2017, 20:15

Attivo da due anni, il "Trauma Center" di Cuneo cura le "ferite psicologiche" delle vittime di attentati, terremoti o situazioni di panico

Il 24 novembre la presentazione dei dati delle attività svolte: supporto alle vittime dell’attentati di Nizza e di Barcellona, del terremoto in Emilia e della serata di panico in piazza San Carlo a Torino

Il "Trauma Center" ha supportato anche le persone presenti in piazza San Carlo a Torino durante i fatti del 3 giugno (Foto PIETRO BATTISTI PHOTOGRAPHER)

Venerdi 24 novembre alle 17 nel salone di rappresentanza dell’ospedale Santa Croce di Cuneo si festeggiano i due anni di attività del Trauma Center psicologico.

Da due anni l’ospedale ha creato un’équipe specializzata di psicologi esperti in psicotraumatologia e terapia EMDR per occuparsi in acuto di persone che vivono queste esperienze.

Spiega la responsabile del servizio di Psicologia del Santa Croce, Maura Anfossi: “Rimanere colpiti dal terremoto, da un attentato terroristico o essere vittima di un incidente d’auto, di una violenza o di un lutto tragico sono eventi con forti conseguenze interiori. Il trauma segna un netto confine tra un prima e un dopo, che lascia spesso ferite nell’anima, più dolorose delle lacerazioni fisiche”.

Il 24 novembre saranno diffusi i dati delle attività svolte in questi primi due anni: supporto alle vittime dell’attentati di Nizza e di Barcellona, del terremoto in Emilia e della serata di panico in piazza San Carlo a Torino.

Saranno presenti alcune persone che condivideranno le loro esperienze per testimoniare che dal dolore del trauma si può rinascere. Parteciperà all’evento Marco Olmo, già testimonial della manifestazione pro Trauma Center “Passi in salute” organizzata in aprile. Seguirà un breve momento di festa.

Per chi desiderasse inviare contributi al Trauma Center: IBAN IT34H0311110201000000032330

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore