/ Scuole e corsi

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuole e corsi | martedì 14 novembre 2017, 20:36

All'Itis di Cuneo si presentano i risultati del Progetto Captor

Progetto europeo per la determinazione dell’Ozono Troposferico. Appuntamento venerdì 17 novembre alle ore 20:30

Venerdi 17 novembre alle ore 20:30 nella sala audiovisivi dell'Itis di Cuneo dalle ore 20:30 si terrà alla presenza dei Responsabili di Legambiente la Conferenza di presentazione dei primi risultati del progetto Europeo Captor per la determinazione dell’Ozono Troposferico.

Nella stessa serata verranno presentati i risultati del progetto sull’acidificazione dei laghi alpini in Provincia di Cuneo ed un report sulla determinazione dell’ozono nelle abitazioni e negli ambienti di lavoro da parte dei nostri allievi delle classi quinte chimiche dello scorso anno scolastico.

Tale iniziativa è parte integrante delle attività di Alternanza Scuola Lavoro del presente anno scolastico.

L’inquinamento atmosferico è il tema ambientale che preoccupa di più i cittadini europei. È responsabile ogni anno di 400,000 morti in Europa, ed espone sia l’agricoltura che l’ambiente naturale a considerevoli danni. Ciò nonostante, la buona volontà e la capacità di agire dei cittadini europei è limitata.

Per invertire questa tendenza nasce nel 2016 il progetto CAPTOR, che ha lo scopo di favorire la collaborazione dal basso delle comunità locali, dei cittadini, delle organizzazioni non governative e degli scienziati per sensibilizzare e trovare delle soluzioni al problema dell’inquinamento atmosferico.

Gli obiettivi di CAPTOR affrontano il problema dell’inquinamento atmosferico, che sarà caratterizzato dal monitoraggio specifico dell’ozono troposferico in tre regioni europee: Barcelonès-Vallès Oriental-Osona (Catalogna, Spagna), Pianura Padana (Valle del Po, Italia); Burgenland, Steiermark e Niederösterreich (Austria)

In particolare, gli obiettivi di CAPTOR sono: instaurare una rete di comunità locali nelle tre regioni europee per monitorare l’inquinamento da ozono troposferico; inserire queste comunità locali in un processo collaborativo sull’inquinamento dell’atmosfera, sostenendo un processo dal basso per definire e progettare delle modalità d’azione; coinvolgere i cittadini ed impegnarli nel promuovere la partecipazione attiva nei processi decisionali per avanzare soluzioni; imparare e valutare l’efficacia, la replicabilità e la forza creativa di questo approccio.


c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore