/ Scuole e corsi

Spazio Annunci della tua città

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Pannello solare,Veranda FIAMMA, Portabici FIAMMA 4 canaline, TV e decoder in mobiletto dedicato, Antenna digitale,...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuole e corsi | martedì 14 novembre 2017, 09:53

Uscita autonoma degli studenti delle scuole medie: via libera all'emendamento

La petizione per l’autonomia dei ragazzi delle scuole medie era partita da Massimo Infunti, mobility manager di Novello, raggiungendo le 65mila firme in pochissimi giorni. Con l’emendamento si esonera il personale scolastico dalla responsabilità connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza, se saranno i genitori a chiederlo

E’ ammissibile l’emendamento che permette l’uscita autonoma dei minori di 14 anni da scuola. L’emendamento è nato a seguito delle vicende che hanno visto una scuola condannata per la morte di uno studente, avvenuta 15 anni fa, quando il ragazzo venne investito dal pullmino che lo avrebbe dovuto portare a casa.

Una tragedia dalla quale era scaturita, lo scorso luglio, una sentenza estremamente dibattuta: esiste il dovere di sorveglianza anche nel caso in cui i genitori mettano per iscritto l’autorizzazione a lasciare il proprio figlio tornare a casa da solo.

Un vero e proprio "colpo" per migliaia di famiglie in tutta Italia. Ne era nata una petizione, lanciata da Massimo Infunti, mobility manager di Novello: “Chiediamo che la legge specifichi che non si considera mai abbandono di minore la normale attività autonoma dei bambini e dei ragazzi (come l'andare e tornare a scuola da soli, il giocare nei parchi pubblici o nei cortili senza sorveglianti, lo spostarsi in quartiere o in paese in autonomia), e che nessun genitore, insegnante, educatore o preside possa essere considerato responsabile di abbandono in queste condizioni. Non vogliamo crescere una generazione di bamboccioni! E una città fatta di auto, scorte e paure. In tanti paesi del mondo i bambini si spostano in autonomia e non ci sono evidenze di maggiori rischi”.

Poi le dichiarazioni della Ministra Valeria Fedeli che aveva dichiarato ai microfoni di Tagadà su La7:L’autonomia è importante, ma si può sperimentare anche di pomeriggio. E se i genitori non possono, vadano i nonni fuori scuola, è così piacevole per noi nonni farlo”. 

Polemiche a non finire su queste dichiarazioni. E il PD è corso ai ripari: via libera, dunque, all'emendamento che esonera il personale scolastico dalla responsabilità connessa all’adempimento dell’obbligo di vigilanza, se saranno i genitori a chiederlo. Sarà inserito nel Decreto Fisco per una veloce approvazione.

 

Bsimonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore