/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Ducato 160 CV, super accessoriato, 2 condizionatori, gruppo elettrogeno Honda 3 Kw con accensione automatica, pannelli...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | venerdì 17 novembre 2017, 16:05

Fossano: una mostra a cielo aperto per ricordare che la violenza non è mai la strada giusta

Fino a fine novembre sotto i portici di via Roma immagini e frasi a effetto. Promosso dal gruppo Scarpette Rosse

Fino alla fine del mese di novembre i portici di via Roma saranno la cornice di una nuova iniziativa del Gruppo Scarpette Rosse di Fossano in collaborazione con il Comune. Una serie di banner bifacciali saranno chiaramente visibili a tutti per ricordare da un lato, la gravità di qualsiasi atto di violenza e dall’altro ricordare gli aspetti positivi di una affettività sana.

Il gruppo Scarpette Rosse è nato in forma autonoma nei giorni successivi la tragica scomparsa della fossanese Silvana Allasia, assassinata dal compagno. Questa iniziativa ne segue numerose altre. Già poco tempo dopo la morte della Allasia, infatti, era stata promossa la campagna Scarpette Rosse che aveva visto il sagrato della Cattedrale cittadina ricoperto di scarpe o fiori rossi.

La mostra stessa segue un’altra iniziativa del gruppo, quella di due anni fa, quando, in collaborazione con l’Ascom, alcuni commercianti accettarono di allestire le proprie vetrine con un simbolo della lotta alla violenza di genere, la scarpetta rossa appunto. Le fotografie scattate allora da alcuni appassionati sono ora esposte e fanno da corollario a frasi di effetto.

Il 25 novembre, inoltre, il gruppo sarà presente sotto i portici di via Roma, davanti all’ingresso del Comune con un punto informativo e di riflessione.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore