/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | martedì 21 novembre 2017, 14:53

Borgo San Dalmazzo, muratore presunta vittima di due intrattenitrici conosciute al night club

Le due ragazze sono a processo per aver carpito denaro all’uomo che soffriva di disturbi psichici

Borgo San Dalmazzo, muratore presunta vittima di due intrattenitrici conosciute al night club

Le aveva conosciute nel 2013 in un night club di Borgo San Dalmazzo. A loro aveva raccontato di soffrire di disturbi psichici, e proprio di questa patologia le due intrattenitrici avrebbero approfittato, carpendogli del denaro. A processo con l’accusa di circonvenzione di incapace sono due cittadine rumene, V.S. e C.T.. Secondo l’accusa, la presunta vittima avrebbe consegnato alle due ragazze circa 11 mila euro e addirittura una ipoteca sulla sua casa, accesa per chiedere un finanziamento.

In quel periodo avevo smesso le cure perché i farmaci mi rendevano fiacco e non riuscivo a lavorare”, ha raccontato in udienza il muratore della Val Maira. “Avevo conosciuto V.S. una sera, faceva intrattenimento. Ci eravamo messi a chiacchierare, lei mi aveva confidato di avere problemi economici e mi chiese dei soldi. Le ho dato 7.000 euro in contanti, le servivano anche per pagare l’affitto a Torino. Poi mi chiese altro denaro per pagare il funerale di sua nonna in Romania, ma io non ne avevo più. Avevo chiesto un finanziamento per comprare attrezzature, V.S. allora disse che C.T. conosceva persone che avrebbero potuto imprestarmi i soldi, e per questo le consegnai anche l’ipoteca”.

I carabinieri di Borgo San Dalmazzo avevano identificato le due ragazze nel 2014, quando erano andate a trovare il muratore, che nel frattempo era ospitato presso una comunità terapeutica. Dalle indagini era emerso che un paio di assegni erano stati incassati da V.S. e da un italiano suo amico.

L’udienza è stata rinviata per la discussione.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore