/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Ducato 160 CV, super accessoriato, 2 condizionatori, gruppo elettrogeno Honda 3 Kw con accensione automatica, pannelli...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | martedì 21 novembre 2017, 18:44

Cuneo: il concorso per gli agenti municipali finisce sul tavolo della Procura

Con un esposto, si chiede di indagare su alcune procedure sospette, su eventuali favoritismi e sulla presenza di candidati “parenti di…”

Finisce sul tavolo della Procura il fascicolo di indagine inerente al concorso per l’assunzione di quattro nuovi agenti della Polizia Municipale del Comune di Cuneo, entrati a regime nei primi giorni di novembre.

Attraverso un esposto, pare portato direttamente nel Palazzo di piazza Galimberti, si punterebbe il dito sul modo in cui si sono svolte le prove per i candidati e su come sono stati attribuiti i punteggi che hanno fatto salire – oppure scendere – alcuni partecipanti invece di altri.

Ma soprattutto, a creare un alone di dubbio su come si sia svolto il concorso, sarebbe la presenza - tra candidati ed esaminatori - di persone che sarebbero legate tra loro da un vincolo di parentela o di amicizia, il che sicuramente non è un reato ma alimenta il sospetto che forse potrebbero esserci state delle agevolazioni per qualcuno.

Insomma, sembrerebbe una piccola parentopoli in salsa cuneese.

Tutti dubbi che, naturalmente, rimangono tali fino a quando, attraverso le indagini degli inquirenti, non si arriverà a configurare un reato o ad archiviare il tutto.

Anche alcuni dei partecipanti hanno manifestato, subito dopo le prove, qualche perplessità su esaminatori ed esaminati, nonché sul metodo utilizzato, tanto da pensare ad un possibile ricorso.

L’esposto potrebbe essere una conseguenza - o forse solo una coincidenza - della presentazione, durante l’ultimo consiglio comunale di Cuneo, dell’interpellanza del consigliere di opposizione Beppe Lauria.

Il consigliere chiede al Consiglio “Se corrisponde al vero che tra i vincitori del bando vi siano parenti di funzionari comunali e, in caso affermativo in quale posizione della graduatoria?”. Inoltre Lauria, attraverso la sua interpellanza chiede anche “come mai ci si è rivolti ad una commissione esterna – e pagata - e ci si sia affidati ad avvocati esterni dal momento che l’Amministrazione comunale ha, al suo interno, un apposito ufficio”.


NaMur

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore