/ Curiosità

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Curiosità | martedì 05 dicembre 2017, 14:25

A Fossano diventano “Tutti pazzi per Mary”: catturati in uno scatto ospiti di un istituto, cuochi, giornalisti, educatori e volontari

Un nuovo progetto di inclusione attraverso la fotografia al Monsignor Signori

“Tutti pazzi per Mary”, titolo del celebre film con Cameron Diaz, non ha nulla a che vedere con il nuovo progetto portato da Davide Dutto al Monsignor Signori: l’unico filo conduttore è la pazzia che, in un modo o nell’altro accomuna tutti anche coloro che la società giudica normali.

L’occhio imparziale della macchina fotografica pone tutti sullo stesso piano: ospiti di un istituto per disabili, cuochi, giornalisti, educatori, volontari. Lo sfondo è bianco, asettico e lascia spazio solo alle emozioni e alle espressioni.

Mi è stato chiesto di mettere dei quadri alle pareti dell’istituto – spiega Davide Dutto -. Quando ho invece proposto di prendere spunto da “Vecchietti a chi?” per sviluppare un percorso dedicato alla fotografia, è stato accolto con entusiasmo. Vogliamo far emergere una realtà nascosta attraverso la fotografia e mettere in relazione gli ospiti con il mondo esterno. Il format è simile a Vecchietti a chi? perché gli ospiti si possano raccontare su uno sfondo bianco, facendo emergere solo la persona e non l’ambiente circostante”.

Il percorso è iniziato a fine settembre e proseguirà con incontri settimanali fino ad aprile/maggio. Al termine sarà realizzata una mostra che coinvolgerà sia la struttura che l’esterno “L’idea è quella di portare dentro alla struttura le persone e portare i ragazzi fuori dalla struttura con un percorso bidirezionale – continua Dutto -. È importante che le persone abbiano un’esperienza diretta, che conoscano gli altri perché incontrarsi per davvero cambia le carte in tavola e abbatte gli stereotipi. Serve agli ospiti, ma serve soprattutto a noi perché siamo noi che ci arricchiamo con questi incontri”.

Scatti che ritraggono gli ospiti, ma anche diverse persone di Fossano, come i volontari che ogni giorno collaborano con la struttura, lo chef Flavio Ghigo, il direttore del settimanale La Fedeltà Walter Lamberti e la corrispondente di TargatoCN Agata Pagani, Babel production, Andrea Tejada e Enzino Mc per Comunicare anche attraverso una videoclip rap e altri sono in programma per le prossime settimane.

Il CDA ci ha accolto con favore questa proposta e ha finanziato il progetto, mettendoci a disposizione l’esperienza di Davide Dutto perché ci indirizzasse e ci aiutasse a far capire che siamo aperti verso l’esterno e anche che l’esterno è invitato a entrare - ha spiegato il direttore del Monsignor Signori Provvidenza Mauro Mandrile -. Davide è entrato e noi siamo stati ‘accoglienti’ in quel momento, anche se subito ci siamo resi conto di essere a nostra volta molto protettivi nei confronti degli ospiti. È un progetto che si autocostruisce giorno dopo giorno e dobbiamo abituarci noi stessi all’idea che anche i social network sono strumenti utili a trasmettere all’esterno ciò che l’Istituto rappresenta”.

La fotografia ha un potere terapeutico e psicologico, i ragazzi non percepiscono i canoni della società. Davanti allo sfondo bianco vedono solo loro stessi” ha concluso Davide Dutto.

Gli scatti e il percorso sono raccolti in una pagina Facebook https://www.facebook.com/tuttipazzipermary/, vetrina del percorso, alla quale tutti sono invitati a lasciare un like.

L’ultimo dubbio è chi sia Mary: non lo sa nessuno, è quello che ciascuno cerca nel proprio quotidiano, fondamentalmente però siamo tutti pazzi.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore