/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Ducato 160 CV, super accessoriato, 2 condizionatori, gruppo elettrogeno Honda 3 Kw con accensione automatica, pannelli...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 06 dicembre 2017, 15:12

Scoperto a truffare un'anziana aggredisce con spray al peperoncino i carabinieri, arrestato

Il tentativo di raggiro è stato fermato dai militari di Costigliole Saluzzo. Il malvivente tratto in arresto è originario della provincia di Torino

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Saluzzo hanno predisposto uno specifico servizio finalizzato alla prevenzione dei reati predatori. Il dispositivo composto da numerosi uomini e mezzi, si è concentrato nell’area dei comuni di Saluzzo, Verzuolo e Costigliole, nei territori della Valle Po, al confine con la provincia di Torino.

Una pattuglia della Stazione di Costigliole Saluzzo, impegnata in un servizio di perlustrazione nelle zone più isolate del circondario - aree dove in passato si sono verificati episodi di furti o truffe in danno di anziani - ha arrestato in flagranza di reato un soggetto originario della provincia di Torino, ritenuto responsabile di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Verso le 11 del mattino, nel transitare in una via secondaria a ridosso della strada provinciale 589, i militari hanno notato un giovane armeggiare in un vano per i contatori della rete idrica e a breve distanza dallo stesso, una donna anziana che gli comunicava qualcosa gesticolando.

Insospettiti dalla presenza e dall’atteggiamento dell’uomo, completamente sprovvisto di abbigliamento idoneo decidevano di sottoporlo a controllo.

Accortosi di essere stato scoperto l'uomo si è dato alla fuga cercando di coprirsi il volto con il giubbotto; raggiunto e bloccato dai militari, l’uomo ha aggredito i carabinieri con calci, pugni e spruzzando sostanza urticante.

I successivi accertamenti hanno consentito di appurare che l'uomo in questione, probabilmente con l’aiuto di un complice a bordo di un veicolo, stava cercando di truffare la donna qualificandosi come un tecnico delle “acque potabili”. 

Come altra scusa per poter entrare nell’appartamento della vittima (non caduta però nel tranello) sosteneva di dover fare dei controlli sull’intera rete idrica.

A riscontro della professionalità dell’indagato nelle condotte fraudolente in danno di persone anziane, si è rinvenuto nel proprio marsupio: uno scanner funzionante sintonizzato su una frequenza radio, una bomboletta di spray a base di peperoncino, un paio di guanti da lavoro, diversi accessori per il travisamento, un apparecchio per rilevare la presenza di metalli, dei piccoli petardi da sala, generalmente impiegati per simulare la presenza di odori di gas ed un cartellino riportante un nominativo fittizio e la qualifica di “operatore delle acque potabili – controllo contatori”, il tutto sottoposto a sequestro.

Il soggetto dichiarato in arresto, con l’accusa di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale e contestualmente deferito in stato di libertà per il reato di tentata truffa è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della caserma di Saluzzo, per poi essere condotto dinanzi al GIP del Tribunale di Cuneo per l’udienza di convalida dell’arresto con giudizio direttissimo.

I Carabinieri intervenuti hanno riportato lievi lesioni, ricorrendo alle cure mediche presso il Pronto Soccorso. Sono in corso indagini finalizzate ad accertare il coinvolgimento dell’indagato in pregressi episodi di truffa o furto, commessi con analogo modus operandi.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore