/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 08 dicembre 2017, 11:30

I delegati della Filca Cisl delle concessionarie autostradali rispondono al presidente Anac Cantone

Il rappresentante dell'Associazione Nazionale Anti Corruzione è intervenuto in un convegno a Firenze dal titolo "Il codice degli appalti"

Di Niccolò Caranti - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=49221910

A seguito delle dichiarazioni del presidente dell’Anac intervenuto al convegno ‘Il codice degli appalti’ di Firenze (di cui si può leggere QUI) rispondono i delegati Filca Cisl delle concessionarie autostradali. Risposta che riceviamo e pubblichiamo.

Illustre dottor Cantone,

rispettiamo la Sua storia ed il Suo ruolo, ma dichiarare che con la nostra protesta facciamo il gioco delle concessionarie autostradali è sbagliato e ingiusto, e offende la nostra dignità di uomini, prima che di lavoratori.
 
Noi abbiamo un solo obiettivo, per il quale ci stiamo battendo con tutti i mezzi possibili: salvare il nostro posto di lavoro! Lo facciamo per noi e per le nostre famiglie, che vivono questi momenti con angoscia e paura. Ma lo facciamo anche per milioni di persone: gli automobilisti che tutti i giorni percorrono le autostrade, per i quali garantiamo la massima sicurezza grazie alla nostra esperienza e professionalità, riconosciute da tutti.

Se questo vuol dire fare il gioco delle concessionarie autostradali, potremmo rispondere che Lei fa il gioco dell’Ance. Ma non vogliamo polemizzare né spostare l’attenzione dal vero problema, che è il rischio di mandare a casa 3.000 lavoratori, non tutelati da alcuna clausola sociale. 3.000 famiglie coinvolte sono un problema sociale prima che occupazionale! 

Modificare il Codice degli Appalti portando la percentuale dei lavori in house dal 20% al 40% non vuol dire “solo” garantire il nostro lavoro, ma riconoscere la nostra competenza, assicurare la sicurezza delle nostre autostrade, non ledere il principio di concorrenza perché il 60% delle opere resta a gara. Insomma, vuol dire compiere una vera operazione di giustizia sociale! 

Siamo certi che prevarrà il buon senso, La salutiamo con stima.              
 
I delegati Filca-Cisl delle concessionarie autostradali

 

Foto di Niccolò Caranti - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=49221910

d.c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore