/ Saluzzese

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Ducato 160 CV, super accessoriato, 2 condizionatori, gruppo elettrogeno Honda 3 Kw con accensione automatica, pannelli...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Che tempo fa

Cerca nel web

Saluzzese | giovedì 07 dicembre 2017, 18:06

L'International Cosmic Day del liceo Bodoni di Saluzzo

25 studenti del “Progetto Fisica” sono stati ospitati dal Dipartimento di Fisica dell'Università di Torino per una giornata di studio alla scoperta dei raggi cosmici, promossa dal centro di ricerche DESY in Germania e ripreso dal centro Fermi e da varie università italiane

Il 30 novembre, 25 studenti del “Progetto Fisica” del Liceo Bodoni di Saluzzo, accompagnati dalla prof.ssa Francesca Quagliotti, sono stati ospitati dal Dipartimento di Fisica dell'Università di Torino per il “International Cosmic Day”, una giornata di studio alla scoperta dei raggi cosmici, promossa dal centro di ricerche DESY in Germania e ripreso dal centro Fermi e da varie università italiane.

Ai ragazzi sono state proposte lezioni teoriche sulla natura dei raggi cosmici e sulla conduzione di un’analisi dati per ottenere risultati fisicamente corretti sugli sciami cosmici. In seguito, divisi in gruppetti da 3-4 studenti, i ragazzi hanno effettivamente eseguito un'analisi sui dati reali presi da uno dei telescopi italiani del progetto EEE (Extreme Energy Events), progetto al quale il Liceo Bodoni ha aderito dallo scorso anno scolastico.

L'analisi effettuata con metodi statistici realmente utilizzati dai ricercatori ha richiesto una certa attenzione e fatica ma alla fine ha dato grandi risultati e molta soddisfazione.

Alla fine della giornata i risultati sono stati condivisi, attraverso una “international call” tramite computer con tutte le sedi italiane ed estere che partecipavano a questo evento. “Esperienza interessante e divertente - hanno commentato i ragazzi, - speriamo che ci siano altre occasioni per potersi confrontare direttamente con la ricerca vera, perché è un modo diverso di applicare ciò che abbiamo imparato a scuola”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore