/ Saluzzese

Spazio Annunci della tua città

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Che tempo fa

Cerca nel web

Saluzzese | giovedì 07 dicembre 2017, 17:45

“Rivogliamo la possibilità di poter donare almeno una domenica al mese presso l’emoteca dell’Ospedale di Saluzzo”

L’ “Officina delle idee” incontra i vertici del Gasm, Gruppo autonomo sangue Mombracco e della Lilt, Lega italiana lotta ai tumori, di Saluzzo-Savigliano

Immagine di repertorio

Da tre a due giorni feriali di donazione, con la soppressione della possibilità di donare la domenica.

L’emoteca dell’Ospedale di Saluzzo è stata oggetto, nei giorni scorsi, di un incontro tra l’Associazione “Officina delle idee” ed il Gasm, Gruppo Autonomo Sangue Mombracco, rappresentato da Giuseppe Audisio e Giampiero Bravo.

La diminuzione delle possibilità di donare il sangue presso l’Emoteca Saluzzese è confermata: si passa da tre giorni la settimana passati a due, mentre la possibilità periodica di donare la domenica, che prima era di una volta ogni due mesi, oggi non è più possibile”, spiegano i partecipanti all’incontro.

I vertici di “Officina” e Gasm si interrogano sui motivi che hanno portato a questa riduzione del servizio. “Le risorse di personale scarseggiano, è vero, ma così poi diventa inevitabile ricorrere al servizio offerto dalla Banca del sangue di Torino, facendo così uscire le decine di sacche raccolte in queste occasioni dal circuito dell’Asl Cn1”.

Si è quindi deciso di approfondire questo aspetto con il responsabile del servizio, il dottor Lorenzi, verificando di ripristinare - se possibile - questa opportunità domenicale, istituendo poi un calendario chiaro e condiviso delle date di conferimento presso l’Emoteca di Saluzzo.

Al tempo stesso, l’“Officina delle idee” ha incontrato Gianfranco Fortina, rappresentante della Lega italiana per la Lotta contro i Tumori di Saluzzo-Savigliano.

Sono state illustrate le attività del nutrito gruppo di volontari, chiamato a sviluppare innanzitutto la cultura della prevenzione, a partire dai bambini delle scuole. A Saluzzo è inoltre presente un punto visite presso la sede della Lilt in Corso Roma, in particolare per il sempre più diffuso melanoma.

Grandi energie sono dedicate anche al supporto logistico e psicologico delle persone ammalate e delle loro famiglie, con trasporto presso i centri di cura, visite mediche, consegna terapie e altro ancora.

Sull’Ospedale di Saluzzo è stato evidenziato come l’assenza della cosiddetta “camera bianca”, nella quale vengono preparate le terapie per i malati oncologici, crea tempi di attesa piuttosto lunghi per gli ammalati del saluzzese”.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore