/ Agricoltura

Che tempo fa

Cerca nel web

Agricoltura | 10 dicembre 2017, 09:04

Il parassita "buono" capace di opporsi alla cimice asiatica può entrare in Europa

L’Unione europea non vieta la possibilità di importare il Trussolcus Halyomorphae. L’eurodeputato Cirio scrive al ministro Martina: "La scelta è dell’Italia: bisogna intervenire per proteggere le colture"

Il parassita "buono" capace di opporsi alla cimice asiatica può entrare in Europa

La cimice asiatica è un vero e proprio flagello. Se ne parla ormai da qualche anno, anche perché, da quando è arrivata in Europa, il comparto ortofrutticolo italiano ha registrato, nelle aziende colpite, gravi perdite, in particolare, per quanto riguarda la coltivazione di mele, pere e pesche, che vanno oltre il 40% in aree fortemente vocate a tali produzioni”

Si sta tentando di correre ai ripari.

L’Unione europea non vieta la possibilità di importare il Trussolcus Halyomorphae, il parassita “buono” che potrebbe essere la soluzione contro la dilagante invasione della cimice asiatica: lo rende noto l’eurodeputato Alberto Cirio, che sul tema aveva presentato ad ottobre un’interrogazione al commissario Ue all’Agricoltura Phil Hogan.

Il tasso di contagio della cimice asiatica è molto alto (47% rispetto a 2-3% di altri organismi paragonabili), un elemento che la sta rendendo una vera e propria piaga per molte coltivazioni del Nord Italia.

Negli ultimi cinque anni l’insetto si è diffuso in modo esponenziale in diverse parti del Paese e in particolare in Piemonte, dove sta provocando gravi danni sulla frutta e sulle oleaginose, soprattutto il nocciolo. "A questo punto la scelta spetta all’Italia - spiega Alberto Cirio - per questo ho scritto al ministro Martina, chiedendo di verificare la normativa nazionale e di intervenire per risolvere un problema che sta mettendo seriamente a rischio molte delle nostre produzioni. L’uso dei prodotti chimici attualmente in commercio si è rivelato inefficace, bisogna investire su metodi naturali. Il Trussolcus Halyomorphae in paesi come l’Oregon ha portato buoni risultati, facendo da antagonista naturale alla cimice asiatica e senza danneggiare l’equilibrio ambientale".

Si tratta di un imenottero parassitoide che deposita le proprie uova in quelle della cimice e si nutre di esse. Viene considerato un parassita “buono”, perché vive strettamente legato alla cimice e non produce danni diretti o collaterali all’ambiente.

bs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium