/ Alba e Langhe

Che tempo fa

Cerca nel web

Alba e Langhe | giovedì 14 dicembre 2017, 10:31

Rimborsi alluvione '94: la battaglia si fa alla Camera con un emendamento

Incontro del Comitato Imprese Alluvionate Piemonte 1994 si è svolto presso l'A.C.A. albese. Si è parlato dei rimborsi spettanti alle aziende relativi agli sgravi contributivi Inps e Inail

Rimborsi alluvione '94: la battaglia si fa  alla Camera con un emendamento

"Se il nostro fosse un Paese normale riunioni come queste non dovrebbero tenersi". Ha esordito così il presidente dell'Associazione Commercianti Albesi, Giuliano Viglione, nell'aprire l'incontro del Comitato Imprese Alluvionate Piemonte 1994 svoltosi presso l'A.C.A. lunedì 11 dicembre scorso, avente per oggetto la discussione sui rimborsi spettanti alle aziende relativi agli sgravi contributivi Inps e Inail.

"L'A.C.A. contribuisce con il massimo sostegno alla battaglia delle imprese – ha proseguito Viglione – perché questa situazione merita una risposta univoca".

Il coordinatore del Comitato Luca Matteja ha illustrato ai presenti l'evoluzione delle ultime settimane, quando l'emendamento presentato in base ad accordi presi con l'Inps – che contemplava rimborsi per 49 milioni di euro alle aziende del Piemonte colpite dall'alluvione – da inserire nella Legge di Bilancio per ottenere legittimazione e copertura finanziaria, è stato licenziato in Commissione dal Senato con un testo stravolto: 5 milioni complessivi da erogarsi in base ad un decreto ancora da scrivere, a partire dal 2019.

Un esito suonato come una beffa, da riparare attraverso una revisione dell'emendamento in sede di esame alla Camera dei Deputati. È notizia della stessa giornata di lunedì 11 che l'emendamento (n. 67-0-bis) riformulato nei termini utili alle imprese ha superato il primo scoglio di ammissibilità, ma solo nei prossimi giorni si conoscerà l'esito definitivo della vicenda.

Intanto, il Comitato ha presentato ricorso presso la Cedu (Corte europea dei diritti umani) perché anche l'Europa si pronunci su quella che è vissuta come una grave ingiustizia: la mancata restituzione dei contributi già incassati dagli enti suddetti ma in gran parte non dovuti.

Il Comitato ha invitato tutti a operare un pressing sui parlamentari piemontesi affinché si facciano carico delle istanze delle imprese alluvionate in un momento cruciale nel quale si costruiscono le voci del bilancio dello Stato e si inseriscono le norme ad hoc per il loro impiego.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore