/ Cuneo e valli

Che tempo fa

Cerca nel web

Cuneo e valli | 14 dicembre 2017, 07:45

“Caro Babbo Borgna, mantieni le promesse: per Natale regalaci il PUF”

I militanti dello Sportello “Casa –Unione Inquilini di Cuneo” scrivono al sindaco di Cuneo per chiedergli la disponibilità del Palazzo Uffici Finanziari da adibire ad alloggi popolari. “Sono 552 – ricordano – le famiglie sfrattate per morosità incolpevole in provincia”

Il Puf

Il Puf

Sabato 16 dicembre, alle 16,30, in via Roma a Cuneo, i militanti dello “Sportello Casa-Unione Inquilini” di Cuneo distribuiranno una singolare letterina natalizia indirizzata a “Babbo Borgna”, il sindaco della città, Federico Borgna, affinchè "regali" finalmente alla città la palazzina alloggi del Palazzo Uffici Finanziari.

Questo il testo della lettera:

“Caro Babbo Borgna,

Nel lontano 2015 credevamo che lei esistesse.

Durante la quarta giornata nazionale “sfratti zero” definì la palazzina alloggi del Palazzo Uffici Finanziari di Cuneo “Un insulto al buon senso e alla miseria, prova del fallimento della politica e della burocrazia”;  parlò di “scempio, ferita, schiaffo alla città e sprechi intollerabili”.

Nel 2016 la nostra campagna per mettere fine a tutto questo e liberare il palazzo Uffici Finanziari è stata appoggiata da molte associazioni e ha raccolto in città 1200 firme che le abbiamo consegnato personalmente.

Lei stesso ha aderito alla nostra petizione e il Consiglio comunale ha votato all’unanimità un ordine del giorno a sostegno di questa campagna e per dare risposte concrete alle tante richieste di case popolari e ai tanti sfratti.

Poi abbiamo cominciato a dubitare un po’ della sua esistenza.

Le tante promesse che ci aveva fatto continuavano a rimanere tali e le risposte ci deludevano sempre più.

Nel 2017 è arrivato il “miracolo elettorale”: a fine aprile in conferenza stampa lei ha annunciato la liberazione della palazzina alloggi del PUF e noi eravamo molto felici perché avevamo lottato molto per ottenere questo risultato, era una vittoria anche nostra e della città.

Otto mesi dopo però il silenzio è sempre più assordante: sono 552 le famiglie sfrattate per morosità incolpevole in provincia di Cuneo e 360 quelle aventi diritto ad una casa popolare.

Carro Babbo Borgna adesso non siamo più tanto sicuri che lei esista davvero; però, visto che si sta avvicinando il Natale, potrebbe essere la buona occasione per farci sognare un “babbo” buono che mantiene le promesse.

Cogliamo l’occasione per augurarle buone feste!"

GpT

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium