/ Sanità

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | giovedì 14 dicembre 2017, 18:32

Sanità, prevenzione cardiovascolare: tra le strutture premiate a Milano anche l'ospedale di Savigliano

Le realtà premiate sono in totale 6: tutte hanno ideato progetti innovativi volti a sensibilizzare la popolazione sul tema delle malattie cardiovascolari

Foto generica

Foto generica

Strumenti di digital health, itinerari urbani che coniugano movimento e cultura, lezioni di ballo formato famiglia, gruppi di cammino e di pedalate con il supporto di personal trainer, percorsi metabolici alla scoperta della salute e insieme del territorio, lezioni di cuore tra i banchi di scuola.

Questi sono alcuni degli ingredienti dei 6 progetti vincitori dell’iniziativa “La prevenzione cardiovascolare sCorre in Italia” promossa da Boehringer Ingelheim, premiati in occasione di un evento celebrativo tenutosi a Milano nella serata del 13 dicembre. 

Sono 86 le strutture sanitarie (Enti ospedalieri pubblici, Fondazioni, IRCCS e ASL) in tutto il Paese che hanno colto l’appello lanciato dall’iniziativa a candidare progetti volti a promuovere una maggiore cultura della prevenzione cardiovascolare: 28 sono arrivati dal bacino del Nord Italia, ben 35 dal Centro e 23 dal Sud. 43 sono state poi le candidature validate e messe al vaglio di una giuria popolare e social che, per partecipare, ha dovuto dimostrare la propria propensione verso la prevenzione cardiovascolare: l’abitudine a una vita sana e attiva è stata, infatti, il criterio per poter accedere alla votazione online.

L’utente doveva scattare una foto ove fosse visibile il numero di km percorsi camminando, correndo o andando in bici, rilevati attraverso una qualsiasi App o strumento di rilevazione digitale in dotazione. La foto è stata postata su Facebook, Instagram o Twitter con l’aggiunta dell’hashtag #laprevenzionescorre, dell’hashtag identificativo del numero del progetto che si desiderava sostenere (come da elenco sul sito www.laprevenzionescorre.it) e dell’hashtag #bici o #piedi.

Al termine della votazione, sono complessivamente oltre 300 mila i chilometri percorsi da tutti i cittadini che, per votare il proprio progetto del cuore, si sono messi in moto, aderendo all’iniziativa.

Il voto della giuria social è stato sommato a quello di una giuria di esperti, composta da: Antonio Gaudioso, Segretario Generale Cittadinanzattiva; Francesco Giorgino, Professore Ordinario di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”; Dario Manfellotto, Direttore Dipartimento Discipline Mediche e UOC di Medicina Interna, Ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli-Isola Tiberina, Roma; Cinzia Testa, giornalista free lance del settore salute; Stefano Urbinati, Direttore dell’UOC di Cardiologia, Ospedale Bellaria Azienda USL di Bologna e da Sabine Greulich, Presidente di Boehringer Ingelheim Italia, che commenta così l’impegno dell’Azienda a supporto del progetto: “Siamo molto orgogliosi di essere riusciti a mettere in moto con questa iniziativa tante strutture sanitarie e cittadini italiani con l’intento di aumentare la consapevolezza dell’importanza che un corretto stile di vita può rivestire per favorire la prevenzione cardiovascolare. Con lo stesso obiettivo e la stessa dinamica, abbiamo voluto coinvolgere anche la nostra popolazione aziendale, invitando gli oltre 900 nostri collaboratori a dimostrare il proprio impegno a favore del movimento: oltre 27mila sono i chilometri percorsi da tutti coloro che hanno aderito e nella serata di oggi i 30 più sportivi si sono aggiudicati un percorso di personal coaching.

Tra i sei vincitori candidati dalle strutture ospedaliere da tutta Italia, c'è anche “Infarto Miocardico e morte improvvisa” dell’Ospedale di Savigliano che ha come obiettivo la prevenzione e l’attivazione della rete regionale per la cura dell’infarto miocardico e attività di informazione e formazione nelle scuole medie superiori, includendo attività quali: la valutazione dei fattori di rischio con consulenze cardiologiche in piazza, gruppi di cammino e di pedalatori coadiuvati da personal trainer con lezioni teoriche e pratiche, certificazione come istruttori di almeno 1-2 insegnanti per istituto in 8 istituti scolastici della provincia, donazione di defibrillatori semiautomatici alle scuole sprovviste.

Il progetto si è aggiudicato un contributo di 10 mila euro.

r.t.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore