/ Saluzzese

Che tempo fa

Cerca nel web

Saluzzese | giovedì 14 dicembre 2017, 12:45

Salgono a tre gli intossicati da monossido di carbonio in una casa a San Firmino di Revello

L’accaduto in via Roncaglia. Sul posto le ambulanze dell’emergenza sanitaria ed i Vigili del fuoco. Un uomo ed una donna trasportati al Santissima Annunziata di Savigliano in codice giallo. Il terzo intossicato trasportato in codice verde a Saluzzo

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

AGGIORNAMENTO DELLE 12.59: Sale a tre il numero degli intossicati da monossido. Oltre alle due persone, un uomo ed una donna, trasportate in codice giallo al Santissima Annunziata di Savigliano, è rimasta intossicata anche una terza persona.

Per lei è stato richiesto l'intervento di una seconda ambulanza, giunta dalla Croce verde di Saluzzo insieme a quella partita dalla Croce verde di Sanfront, che l'ha trasportata in codice verde, di bassa gravità all'ospedale saluzzese.

Insieme alle ambulanze di base era presente anche la medicalizzata di Paesana.

ORE 12.45: Due persone sono rimaste intossicate dal monossido di carbonio, poco fa, a Revello, in un’abitazione di via Roncaglia, in località San Firmino.

Dopo aver accusato i primi malesseri generali, è scattato l’allarme e – sul posto – sono intervenute le ambulanze del servizio di emergenza sanitaria territoriale. Il personale sanitario presente sui mezzi di soccorso ha a disposizione un rilevatore di monossido di carbonio, che permette di svolgere le operazioni in assoluta sicurezza.

Così è stato: una volta dentro casa - all'interno della quale era presente una stufa - il rilevatore ha emesso l’allarme sonoro che ha subito fatto luce sulle cause del malore dei due, la presenza di monossido.

Insieme all’emergenza sanitaria sono quindi intervenuti i Vigili del fuoco da Saluzzo, presenti tutt’ora sul posto con due squadre.

Gli intossicati – un uomo ed una donna – sono stati trasportati al Pronto soccorso del Santissima Annunziata di Savigliano in codice giallo (media gravità) per gli ulteriori controlli del caso.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore