/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Ducato 160 CV, super accessoriato, 2 condizionatori, gruppo elettrogeno Honda 3 Kw con accensione automatica, pannelli...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

Causa trasloco vendo stufa in ottime condizioni (usata 3 anni) Vi prego di valutare le caratteristiche sul sito...

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | venerdì 12 gennaio 2018, 19:43

A Saluzzo, la solenne cerimonia del 75° anniversario della battaglia Nowo Postojalowka,

Domani sabato 13 con la serata alpina e domenica 14 gennaio con il programma commemorativo. Coinvolge le sezioni Ana di Saluzzo, Ceva, Cuneo e Mondovì e vuole ricordare il sacrificio della Cuneense nella Seconda Guerra Mondiale. Invitati tutti, in particolare gli ultimi reduci viventi

Ritirata di Russia - immagine di repertorio

A Saluzzo domani sabato 13 e domenica 14 gennaio le sezioni di Saluzzo, Ceva, Cuneo e Mondovì celebrano  il 75° anniversario della battaglia di Nowo Postojalowka, in memoria del sacrificio degli alpini della Divisione Cuneense in Russia.

Il ritrovo si apre domani al Pala CRS ( presso il Foro Boario) con una serata alpina che vede al centro il  concerto della corale Ana di Revello, dei Polifonici del Marchesato e della Fanfara Alpina Morettese.

La cerimonia, organizzata dalla sezione Monviso, a tre mesi dal  successodel 20 raduno del 1° Raggruppamento  svoltosi in città, vuole ricordare il drammatico combattimento del 20 gennaio 1943 a Nowo Postojalowka, dove persero la vita migliaia di alpini del territorio arruolati nella Cuneense.

"Quello della Cuneense fu il più alto tributo di sangue pagato da una divisione dell’esercito italiano durante la Seconda Guerra mondiale, superato solo da quello del I e II alpini, nel primo conflitto, quando si combattè per quarantaquattro mesi e vi furono le ecatombe del Monte Nero e dell’Ortigara.  12.575 penne nere cadute e disperse, delle quali 5.804 provenienti dalla Granda".

Domenica 14 gennaio il ritrovo delle sezioni alpine  è previsto alle 9.30 (in corso Ancina). Per dare maggiore solennità all’appuntamento sarà presente il Labaro nazionale dell’Ana scortato dal Presidente nazionale Sebastiano Favero e dai componenti del Direttivo.

Il programma prevede l’alzabandiera e l’ onore ai Caduti  a cui seguirà la sfilata per le vie cittadine. Alle 10.45 il saluto delle autorità, presso il Pala CRS a cui seguirà  la messa officiata dal vescovo di  Saluzzo Cristiano Bodo.  Pranzo verso le 12.30 gestito dal catering Cabaret sull’aia. 

Nel pomeriggio ammaina bandiera presso il monumento all’Alpino.

Sono invitati tutti, in particolare gli ultimi reduci viventi. 

 

vilma brignone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore