/ Scuole e corsi

Spazio Annunci della tua città

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuole e corsi | venerdì 12 gennaio 2018, 13:06

I 320 alunni della scuola Levi di Fossano distribuiti in tre sedi: si lavora per riprendere le lezioni il 15 gennaio

Dallo scorso 10 gennaio emanata un'ordinanza che dichiara inagibile l'edificio di via Federico Sacco, interessato dalla caduta di intonaco

Una scuola primaria, la Levi, con 320 alunni che saranno - da lunedì 15 gennaio - trasferiti al Centro Addestramento Professional (CA, al Salice e alla Calvino. La decisione è conseguenza della caduta di intonaco nella palestra piccola dell'istituto.

Per rendere possibile la ripresa delle lezioni dopo l'ordinanza di chiusura di mercoledì 10 gennaio a seguito dei sopralluoghi tecnici, sono oggi al lavoro tutti gli operai del Comune. 

I furgoni stanno spostando banchi, sedie e tutto il materiale didattico indispensabile alla ripresa delle lezioni.

Si dovranno spostare sei classi al CAP: la 2a A a tempo normale, la 2a B a tempo normale, la 2a C a tempo lungo, la 3a A a tempo normale, la 5a A a tempo normale e la 5a B a tempo normale. I ragazzi usufruiranno della mensa della scuola dell'infanzia Gianni Rodari.

Nei locali messi a disposizione dalla parrocchia Santa Maria del Salice saranno ospitate altre sei classi: la 3a B a settimana corta, la 3a C a tempo lungo, la 4a A a tempo normale, la 4a B a settimana corta, e la 5a C del tempo lungo. L'entrata al Salice sarà quella di viale Travaini, dal campo sportivo; non sarà possibile accedere al cortile con le automobili. I ragazzi ospitati dalla parrocchia di Santa Maria del Salice avranno già da lunedì la mensa attiva negli stessi locali.

Altre tre classi saranno ospitate dalla scuola primaria Italo Calvino. I ragazzi entreranno da via Garibaldi 5 che nell'orario di ingresso e uscita da scuola è chiusa al traffico. Le classi alla Calvino saranno la 1a A a tempo normale, la 1a B tempo lungo e la 1a C tempo lungo. Anche nel caso della Calvino la mensa partirà con regolarità da lunedì.

L'unica differenza rispetto agli orari scolastici tradizionali sarà il martedì pomeriggio. Gli studenti del tempo normale con rientro pomeridiano del martedì, per la giornata del 16 gennaio non torneranno in classe. Resterà però attivo il servizio mensa per tutti.

Al fianco degli operai del Comune, dalle prime ore di questa mattina sono attivi i volontari del Coordinamento operativo e le insegnanti che si stanno occupando di raccogliere il materiale necessario per il corretto svolgimento delle lezioni di lunedì. Anche i genitori si sono resi disponibili a collaborare in queste fasi, ma dovendo accedere al cantiere è stato deciso di non coinvolgerli.

"Siamo molto riconoscenti ai genitori che in questi giorni si sono mobilitati per collaborare con la scuola. Questa è una situazione che è stata affrontata con collaborazione e con efficienza. Le lezioni tornerammo al regolare svolgimento da lunedì. I ragazzi avranno la mensa e si sta anche cercando di strutturare un servizio pedibus che consenta ai genitori di lasciare i figli in un punto convenzionato - spiegano le insegnanti -. Anche l'organizzazione della mensa è stata molto positiva. È stato possibile organizzare il servizio in tempi brevissimi, sebbene i locali mensa da servire diventino 3 invece di 1".

"Rringrazio le insegnanti, la scuola, e le famiglie per la collaborazione di questi giorni. È possibile che ci siano dei disagi, ma cercheremo di ridurli al minimo. Con l'attivazione del servizio pedibus sarà possibile lasciare i ragazzi in piazza Diaz sia per recarsi al Salice che alla primaria Calvino", ha detto l'assessora alla Scuola Simonetta Bogliotti

Anche le associazioni di volontariato operativo hanno svolto un ruolo fondamentale. Da lunedì, infatti, entreranno in molti a sostegno dei cosiddetti nonni vigili, per permettere l'attraversamento in sicurezza dei bambini in tre punti diversi.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore