/ Attualità

Attualità | 22 gennaio 2018, 16:00

“Aspettando aprile – Ti racconto chi sono”: l’Anpi di Saluzzo organizza una serata con le donne di Penelope

Incontro in programma mercoledì 24 gennaio alle ore 21, nel Salone degli specchi della Fondazione Amleto Bertoni di piazza Montebello

Una delle attività svolte nel lavoratorio di Penelope

Una delle attività svolte nel lavoratorio di Penelope

Secondo appuntamento con la rassegna “Aspettando aprile - Ti racconto chi sono”, organizzata dalla sezione Anpi di Saluzzo, con il patrocinio del Comune.

Mercoledì 24 gennaio, alle ore 21, presso il Salone degli specchi della Fondazione Amleto Bertoni (in piazza Montebello 1) è in programma una serata-incontro con le protagoniste dell’associazione “Penelope” di Saluzzo.

La storia di “Penelope” inizia nel 2007, quando un’educatrice, un maestro tessitore, molte volontarie e alcune donne straniere iniziano la loro avventura. L’idea è quella di creare uno spazio nuovo, di integrazione e conoscenza attraverso un’arte antica come quella della tessitura.

Con gli anni la realtà di Penelope si è fatta sempre più concreta fino alla grande trasformazione del 2012 quando, non solo si è costituita in Associazione di Promozione Sociale ma si è trasferita nei nuovi spazi presso la Caserma Musso di via Monviso 1, sempre a Saluzzo e sempre in mezzo ai telai.

Sono molte le donne che con Penelope hanno imparato a tessere, donne di tutto il mondo, marocchine, tunisine, serbe, croate, romene, albanesi, sud-americane, ghanesi, indiane. E non solo, nel Laboratorio c’è posto per il ricamo, il macramè, la serigrafia, lo studio della lingua, uno spazio di ascolto psicologico per le donne immigrate e altro ancora.

Ogni mercoledì da anni, le stanze di Penelope si arricchiscono del vocio di donne e bambini. Mese dopo mese le donne si scambiano racconti e storie, ridono e imparano a conoscersi, costruiscono eventi e provano ad inventarsi il loro futuro.  Durante gli incontri a Penelope oltre ad imparare l’arte della Tessitura e ad avere la soddisfazione di realizzare da sole dei manufatti, borse, tovaglie, coperte, sono molte le emozioni che si muovono.

Penelope nasce e cresce come luogo di incontro, aggregazione, sostegno per le donne immigrate e per le loro storie. Non solo permette di avere un luogo dove incontrare altre donne, un appuntamento per non sentirsi sole e imparare a fare, Penelope, con i contributi che vengono offerti per i suoi prodotti, sostiene le donne perché si sentano attive, rinforzando il sentimento di appartenenza alla Comunità.

 

r.t.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium