/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | martedì 23 gennaio 2018, 15:03

Due anni senza Giulio: candele accese anche a Saluzzo per “illuminare il percorso di verità”

Il Comune e l’Associazione "Bella Ciao" promotori dell’adunata in memoria di Giulio Regeni giovedì 25 gennaio. Lo scorso anno la consegna del "Premio Bella Ciao" alla memoria del giovane ricercatore ucciso al Cairo e all'impegno dei suoi genitori

L’Amministrazione di Saluzzo e l'Associazione culturale "Bella Ciao" invitano la cittadinanza a riunirsi davanti al monumento di Silvio Pellico giovedì 25 gennaio  alle 19.15 per ricordare Giulio Regeni a due anni dalla sua scomparsa.

Alle 19.41, l'ora del 25 gennaio in cui Giulio venne visto per l’ultima volta, “accenderemo le nostre candele - dichiara Mauro Calderoni - in contemporanea con le piazze di tutta Italia, affinché con la loro luce illuminino simbolicamente il cammino della verità” sulla morte del giovane ricercatore, il cui corpo mutilato e torturato fu ritrovato il 3 febbraio 2016, in un fosso lungo la strada del deserto alla periferia del Cairo.

A Saluzzo, lo scorso anno in aprile, alla Castiglia, l’associazione aveva conferito il Premio Bella Ciao 2017 alla “memoria di Giulio e all’impegno di Claudio e Paola Regeni che, con compostezza e dignità, continuano a battersi per avere giustizia “.

Il riconoscimento, consegnato dall'assessore alla cultura Roberto Pignatta e dal consigliere Fiammetta Rosso, era stato ritirato dal legale della famiglia Alessandra Ballerini. A Giulio Regeni era stata inoltre intitolata una sala del Museo della Memoria Carceraria nell’ex castello dei Marchesi di Saluzzo. 

 

vilma brignone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore