/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

DELTA Gold diesel anno 09/2011 km 87.000 colore blu con cambio automatico 6 marce e con possibilità di usare il cambio...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | martedì 23 gennaio 2018, 20:42

L'avvocato cuneese Alessio Ghisolfi invitato a Roma dal Presidente Mattarella

L'incontro si terrà al Quirinale il 25 gennaio per la Giornata della Memoria

L'avvocato Alessio Ghisolfi

Memoria storica e ricerca della schoà sono le ragioni di questo prestigioso invito che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rivolto al legale cuneese Alessio Ghisolfi.

Avvocato del Comitato Difesa dei Consumatori di Cuneo e nipote degli antifascisti Lattanzi (Francesco del CLN e Giuseppe partigiano diciottenne trucidato dalle SS in valle varaita) e ricercatore della drammatica vicenda degli ebrei Levi di Saluzzo  - poi divenuta un libro curato con il Procuratore Giancarlo Caselli - Ghisolfi da anni è oratore nelle cerimonie della Giornata della Memoria e della Festa della Repubblica del 2 giugno in molti comuni piemontesi; a novembre ha curato il viaggio del Presidente del Senato Pietro Grasso sui luoghi di Luigi Einaudi.

"Ringrazio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di questa opportunità importante e significativa, nei miei incontri sulla memoria storica nei comuni piemontesi ricordiamo il sacrificio di uomini e donne che molti altri purtroppo dimenticano. Fare memoria è una operazione molto gratificante perché si ha a che fare con quella cittadinanza partecipata che non ci accorgiamo esista ancora e rende giustizia alle vittime" - ha dichiarato l'avvocato Alessio Ghisolfi.

CS

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore