/ Attualità

Attualità | 24 gennaio 2018, 16:50

Le Pro loco dell'Unione Montana Valli Monregalesi fanno squadra

Nella prima riunione operativa sono state prese alcune decisioni per promuovere e valorizzare il territorio. Il presidente dell'Unione, Taravello: "Alè, che i puruma feira”

La prima riunione dei volontari

La prima riunione dei volontari

Prima riunione operativa delle Pro loco dell’Unione Montana Valli Monregalesi che raggruppa Torre Mondovì, Montaldo, Monastero di Vasco, Roburent e Pamparato. Oltre alle Pro Loco dei Comuni erano presenti i gruppi volontari delle frazioni di Serra Pamparato, Valcasotto, San Giacomo di Roburent, Cardini, Sant’Anna di Collarea: anch’essi organizzatori di manifestazioni sul loro territorio, che si trova proprio nel “cuore” montano della Roa Marenca, l’antica via del Sale che collegava Vicoforte ad Albenga e Ormea.

Oggi, su queste strade non passa più l’oro bianco del sale o delle acciughe, ma il turismo. Saperlo intercettare, attrarre e fermare nei ristoranti e nelle strutture ricettive è una bella sfida per questi gruppi composti da reali volontari del turismo, alcuni dei quali nemmeno residenti in questi Comuni, e quindi autenticamente “innamorati” del Monregalese. Pur nella totale autonomia di ogni gruppo, che può così liberare al massimo la propria creatività d’intrattenimento a favore dei residenti e dei turisti, le Pro Loco si sono aggregate grazie all’Unione Amministrativa con il suo presidente Gianrenzo Taravello, anche sindaco di Torre Mondovì, dove, nella frazione di Piazza, ha sede la stessa Unione.

Il materiale di comunicazione “unico” per tutti, su carta ed elettronico, consentirà una più efficace promozione negli info point, alle fiere locali e nelle strutture commerciali dei cinque Comuni di montagna. Il depliant delle feste locali sarà pronto per Pasqua, a cui seguiranno le informazioni sui sapori, la cultura la natura e l’outdoor delle Valli Monregalesi.

“Si tratta - spiega Taravello -  di un rarissimo, forse unico, esempio d’aggregazione “dal basso” nel settore del turismo, ancora più pregiato se si pensa che è fatto da volontari. Loro sono i motori del nostro turismo, quelli che possono accendere l’energia e l’entusiasmo che può contagiare i nostri turisti. Una buona notizia da diffondere, in un mondo dominato da negatività. Alè, che i puruma feira”.  

Informazioni:Roberto Croci 349-7422576; r.croci@libero.it

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium