/ Scuole e corsi

Scuole e corsi | 24 gennaio 2018, 08:47

Il liceo Giolitti-Gandino di Bra alla Festa nazionale della scuola digitale di Bologna

A suscitare l’interesse e l’apprezzamento dei responsabili nazionali dell’istruzione è stato il progetto ”Da Omero alla web serie#Cantamiodiva”, che il liceo di Bra sta costruendo da tre anni

Il liceo Giolitti-Gandino di Bra alla Festa nazionale della scuola digitale di Bologna

Il liceo Giolitti-Gandino di Bra, unico istituto del Piemonte, ha partecipato alla Festa nazionale della scuola digitale svoltasi a Bologna dal 18 al 20 gennaio, su invito del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca che ha selezionato in tutta Italia le migliori iniziative realizzate nel campo dell’innovazione della didattica tramite l’applicazione dei nuovi linguaggi dell’informatica e delle tecnologie più avanzate.

A suscitare l’interesse e l’apprezzamento dei responsabili nazionali dell’istruzione è stato il progetto ”Da Omero alla web serie#Cantamiodiva”, che il liceo di Bra sta costruendo da tre anni, nel felice tentativo di utilizzare la tecnologia per trasmettere contenuti di alto livello culturale, come i temi della letteratura greca, attraverso la modalità delle web series, per produrre cortometraggi che stanno riscontrando positivi riscontri a livello nazionale; tanto più apprezzato è stato il fatto che il progetto è partito dal Liceo classico, sulla base di un’idea del professor Augusto Leone, docente di Latino e Greco, a dimostrazione del fatto che le lingue e le culture classiche sono ottimi veicoli di trasmissione culturale anche e soprattutto per la società di oggi, tecnologicamente avanzata.

Nella tre giorni di Bologna il liceo braidese, selezionato insieme a sole dodici altre scuole da tutta Italia, ha approfondito i temi del Piano della scuola digitale attraverso laboratori, atelier aperti, gare di innovazione e concorsi.

In particolare, nello spazio espositivo loro riservato, i docenti e gli studenti braidesi hanno allestito nella “Future Zone” del palazzo “Re Enzo” un’area dimostrativa con workshop di sceneggiatura, riprese e montaggi corti, mentre giovedì 18 gennaio nell’area “Inspirational” il professor Leone ha tenuto una conferenza illustrando i principi ispiratori e culturali che stanno alla base del progetto della web serie ispirata alla cultura greca Insieme a lui hanno partecipato i docenti Daisy De Gioannini e Maria Grazia,Scarzello, l’assistente tecnico Cristina Dabbene e gli studenti Iacopo Epinot, Lorenzo Astegiano, Lorenzo Cane, Cristina Vladoi e Ramona Bustiuc. Gli studenti hanno ricevuto il plauso di Valeria Fedeli, ministro della Istruzione, alla quale hanno illustrato lo spirito del progetto.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium