/ Politica

Spazio Annunci della tua città

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Marca Orsi 1.22 ottime condizioni telefonare ore pasti

DELTA Gold diesel anno 09/2011 km 87.000 colore blu con cambio automatico 6 marce e con possibilità di usare il cambio...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | sabato 03 febbraio 2018, 14:32

#controcorrente: Stefania Belmondo e Delia Revelli, due donne straordinarie della provincia di Cuneo

La prima quando lasciò l’attività agonistica per evitare l’inesorabile declino sportivo, la seconda, con le dimissioni dalla presidenza di Coldiretti lo scorso lunedì, hanno dimostrato grande senso di responsabilità e correttezza. Al contrario di molti altri italiani, non solo i politici, per i quali rimanere attaccati alla popolarità e alla poltrona è un mestiere

La grande campionessa di sci di fondo, Stefania Belmondo, quando decise di ritirarsi dall’attività agonistica dichiarò: “E’ stata una scelta molto sofferta, ma nella vita bisogna saper dire basta. E avere il coraggio di smettere quando si vince, perché è triste continuare a gareggiare quando non ci sei più con il fisico e con la testa”.

In realtà, avrebbe potuto ancora proseguire la carriera per almeno un paio di anni e vivere sugli allori dei successi conquistati in precedenza. Ma preferì abbandonare per non cadere nell’inevitabile declino sportivo.  

Lunedì 29 gennaio, Delia Revelli, presidente provinciale e regionale di Coldiretti, quasi al termine dei mandati in scadenza a ottobre 2018, si è dimessa per ragioni personali: in particolare - sono le notizie ufficiali - originate dalle difficoltà di poter seguire la propria azienda con la necessaria attenzione. Sarà il vero motivo? Cosi' c'è scritto e così prendiamo atto pur con le riserve del caso.

Attraverso le loro decisioni, di sicuro “dolorose” a livello personale, la Belmondo e la Revelli hanno fatto prevalere il senso di responsabilità, la correttezza, la determinazione di non prendere in giro nessuno. Nel nome di un’etica di vecchio stampo montanaro e contadino. Due donne straordinarie nella vita e nelle loro attività: tenaci, dalla tempra forte ed esempio di impegno e passione. Due donne della provincia di Cuneo capaci di comprendere quando era il momento di staccare la spina.

Rimanere attaccati alla poltrona, invece, è il tipico mestiere italiano. Di molte persone: e non solo nel campo della politica. Spesso con il solo desiderio di mantenere ancora un lembo di popolarità e di potere a qualunque costo.

#controcorrente

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore