/ Attualità

Attualità | 12 febbraio 2018, 14:30

Cuneo, dall'amministrazione l'ultima barzeletta: il parcheggio sotto Piazza Europa

Riceviamo e pubblichiamo

La slide presentata in commissione consiliare a Cuneo

La slide presentata in commissione consiliare a Cuneo

Gentile Direttore,

giovedì scorso, nella commissione trasporti del CC di Cuneo, l’Assessore Regionale Balocco ha sostenuto che una delle maggiori cause dell’inquinamento della città di Torino (leader europea delle città più inquinate) è legata al massiccio traffico automobilistico di veicoli che dalla periferia vengono a sostare nei grandi parcheggi sotterranei del Centro sotto Via Roma e Piazza S.Carlo e sui lati dei grandi viali di accesso. Ha soggiunto che, qualora il Comune non avesse provveduto ad affrontare tale problematica, la Regione era pronta a farsene carico.

Poi si è saputo che la Giunta di Torino ha almeno sospeso la realizzazione di nuovi parcheggi, previsti in gran numero dalla precedente Giunta a guida PD. Grande sconcerto fra gli Assessori e i Consiglieri della maggioranza. Perché a Cuneo si insiste a voler costruire sotto Piazza Europa un Parcheggio a due piani da 400 Posti con una destinazione a Box Auto da mettere in vendita e a stalli per sosta temporanea, consentendo un grande affare per la Ditta che in associazione con il solito studio cuneese di Architettura ha presentato il progetto preliminare e sembrerebbe destinata a realizzare l’opera con un contributo pubblico di oltre 3 milioni derivante dal Piano Periferie. Quella stessa Ditta cui la Giunta torinese sembra voler togliere la possibilità di fare altri danni a Torino in particolare a carico della salute pubblica.

E’ ormai dimostrato infatti che almeno un terzo delle morti premature (90.000 ogni anno) sono legate a patologie polmonari e cardiocircolatorie, causate da polveri sottili e da altri inquinanti liberati dagli autoveicoli.

Per opporsi a questa scelta sciagurata è nato a Cuneo un vivace Comitato per la tutela di Piazza Europa (1500 adesioni) che cerca in ogni modo di impedire la realizzazione di un’opera, che peraltro presenta inquietanti aspetti di possibile illegalità:

- Perché lo studio preliminare presentato all’apposita Commissione Consigliare per la Convenzione con la Presidenza del Consiglio è difforme da quello presentato due anni fa per  l’accesso al Bando Periferie, riguardando solo la metà della Piazza e cioè il lato Ovest oltre Corso Nizza, mentre il disegno iniziale comprendeva l’intera Piazza;

- Perché lo studio presenta una soluzione in contrasto col Piano Regolatore, prevedendo l’abolizione della strada di uso pubblico lungo i Palazzi del lato Ovest, e costituisce quindi Variante al Piano Regolatore;

- Perché lo scavo del Parcheggio sembra interferire con il piano di posa delle tubature del Teleriscaldamento e il disegno in superficie della Piazza con le esigenze di carico-scarico delle merci e di raccolta dei rifiuti;

- Perché è previsto un abbattimento, o (ultimissima barzelletta) uno spostamento dei grandi cedri dell’Atlante che ornano la Piazza in verosimile contrasto con una norma del PRG oltreché con il sentire comune;

Come abbiamo più volte sostenuto occorre tornare indietro sulla progettazione della Piazza, provvedendo solo a una sistemazione delle parti in superficie, anche in considerazione dell’esistenza di un vasto spazio sotterraneo di proprietà pubblica in contiguità con Piazza della Costituzione, a partire dalla considerazione che l’unica vera soluzione per una mobilità sostenibile è costituita da una pianificazione integrata che preveda lo sviluppo di  parcheggi di testata, una maggiore appetibilità ed efficienza del servizio di Trasporto Pubblico Locale, un razionamento dei parcheggi nel concentrico (salvaguardando le necessità dei residenti), un grande sviluppo della ciclabilità.

Questo stanno facendo in tutta Europa, questo dovrebbe fare anche Cuneo, se vuole evitare di diventare oggetto di altri commenti umoristici. A meno che questi  siano considerati un elemento di attrazione.

Ugo Sturlese - Gruppo Consigliare Cuneo per i Beni Comuni

Al Direttore

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium