/ Politica

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | mercoledì 14 febbraio 2018, 11:10

Ciaburro: "Buone notizie sulla variante di Demonte, ma non sempre il PD ha assunto un attegiamento risolutivo"

Riceviamo e pubblichiamo

Sicuramente la notizia, comunicata dall’assessore ai trasporti della Regione Piemonte in merito alla variante di Demonte della SS 21 è assolutamente positiva. Questo risultato non può però essere sbandierato solamente come merito di una parte politica. Da anni ed anni ci siamo battuti affinché tale progetto vedesse la luce e non sempre il PD ha assunto un atteggiamento risolutivo sulle varianti di Demonte e Aisone.

Già dai tempi delle Giunte Regionali dei presidenti Ghigo e Cota si erano iniziati gli iter necessari per la definizione di tale infrastruttura. Le realtà della valle Stura hanno la necessità che tale circonvallazione venga realizzata. Occorre poi non dimenticarsi di Aisone che rimanendo sola potrebbe non vedere mai più realizzata alcun opera. Così come è ormai imprescindibile un serio intervento al colle della Maddalena che ne eviti la chiusura ad ogni refolo di neve. La nostra valle non deve diventare per 4 mesi all’anno un valico chiuso.

La variante di Demonte deve essere prodromica all’apertura 365 giorni l’anno del valico. Una apertura certa è sostanziale sia per il traffico pesante sia per il traffico turistico. Il passaggio delle persone porta reddito al nostro territorio. Concludendo sarà nostra cura far si che ci sia una attenzione fortissima sull’iter amministrativo e sui tempi certi della realizzazione dell’opera senza che si dimentichi l' intero tratto successivo. Purtroppo è sotto i nostri occhi quello che sta avvenendo al colle di Tenda e ció non deve assolutamente accadere in valle Stura.

Monica Ciaburro

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore