/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 02 marzo 2018, 12:31

Paesana: i profughi al lavoro per ripulire i marciapiedi del paese coperti dalla neve (FOTO)

Si tratta della prima attività che vede impiegati i migranti in lavori a beneficio della comunità paesanese, dopo la firma della convenzione con la Prefettura

Paesana, un gruppo di richiedenti asilo al lavoro nelle vie del centro

Paesana, un gruppo di richiedenti asilo al lavoro nelle vie del centro

Le ondate di freddo, e “Burian” non fa certo eccezione, portano con sé disagi, ritardi, pericoli e tante, tante critiche.

A Paesana, 614 metri sul livello del mare, in Val Po, il sistema di sgombero neve ha retto al maltempo, che ha portato, a più riprese, neve ghiaccio su strade e marciapiedi. Tanti gli operatori al lavoro, così come mezzi spartineve e spargisale.

Tra i tanti impegnati a rimuovere la neve caduta al suolo, anche un gruppo di profughi che dimorano nella struttura di via vecchia dei Roè, alla “periferia” nord-est del paese.

I ragazzi già ieri mattina (giovedì) sono stati impegnati nella pulizia di passaggi pedonali, specialmente nella zona antistante le scuole elementari e medie. Il Comune li ha dotati di vestiario e calzature antinfortunistiche, pala, guanti e giubbottini ad alta visibilità.

Poi, coordinati dal geometra comunale Andrea Caporgno, hanno iniziato a ripulire marciapiedi coperti di neve.

Oggi (venerdì) continua il lavoro: i giovani hanno pulito l'accesso alle scuole elementari e medie, ripassato i marciapiedi del concentrico, anche quelli di borgo Santa Margherita, aprendo un varco per i pedoni anche nei giardini Birimbo.

Si tratta della prima attività che vede impiegati i migranti in lavori a beneficio della comunità paesanese. Per poter far ciò, è stata sottoscritta un’apposita convenzione con la Prefettura di Cuneo, così come era stato annunciato dal sindaco Mario Anselmo nel corso dell’ultimo Consiglio comunale.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore