/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 08 marzo 2018, 14:29

Ventenne cuneese assolto dall’accusa di spaccio

Era stato indicato come pusher da un ragazzo che in tribunale aveva ritrattato

G.D., ventenne italiano, era stato fermato nell’ottobre 2014 durante un’operazione della Squadra Mobile contro alcuni spacciatori nel parco della resistenza di Cuneo. Portato in Questura, gli agenti gli avevano trovato 5 grammi di marijuana nascosti nei boxer. Rinviato a giudizio con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, è stato assolto dal tribunale di Cuneo.

Il ragazzo si era difeso dicendosi estraneo alle accuse che gli erano state mosse da un altro giovane che in sede di sommarie informazioni aveva dichiarato alla polizia di rivolgersi a G.D. quando aveva bisogno di hashish o marijuana. In tribunale, però, il teste aveva ritrattato, negando di aver mai acquistato droga dall’imputato.

Il pm aveva già chiesto che l’imputato venisse mandato assolto perché le accuse si basavano principalmente sulla testimonianza rilasciata dal giovane: “Ma se la deposizione non è attendibile, non abbiamo altri riscontri”.

Il difensore Alessandro Bruno aveva chiarito che G.D. non era affatto conosciuto dagli inquirenti come pusher, e gli agenti durante la perquisizione presso la sua abitazione non avevano trovato alcunché che potesse far pensare ad un soggetto dedito allo spaccio. Inoltre i 5 grammi di marijuana trovati in possesso del ragazzo, rappresentavano il limite soglia di quantitativo ammesso per l’uso personale.





Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore