/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | giovedì 08 marzo 2018, 16:49

Festa della donna: dopo il film Difret, continuano gli appuntamenti

Bella risposta di pubblico alla proiezione offerta da Zonta Saluzzo sul tema dei matrimoni forzati. La rassegna comunale “Storie di (dis)pari opportunità” continua con gli appuntamenti del mese dedicato alla donna. Domani sera: “Donne che scrivono” percorso di lettura a cura di Libriamoci

Saluzzo alla Multisala Italia per la proiezione di Difret offerto da Zonta Saluzzo

 

Come ogni anno una bella risposta di donne, ma non solo, all’invito dello Zonta Saluzzo, alla Multisala Italia per celebrare, con un film ad ingresso gratuito, l’8 marzo. E,  lunedì sera  è stato  la partecipazione e il sentimento del pubblico a decretare l’importanza di “Difret”  (Coraggio in amarico) un lungometraggio etiope, ispirato ad una storia vera, scritto e diretto da Zeresenay Berhane Mehari, sostenuto da Angelina Jolie.

Una pellicola premiata  all'ultimo Sundance Film Festival e al 64mo Festival di Berlino per i temi  che reggono la vicenda, distanti da noi culturalmente ma, a pensarci bene, neanche troppo.

La storia di Hirut, ragazzina quattordicenne, rapita per andare in sposa ad un uomo che lei stessa uccide nel tentativo di difendersi, sconvolge per l’usanza tribale dei matrimoni forzati.  “Una piaga contro cui –  ha sottolineato Flavia Cerutti presidente del sodalizio  – lo  Zonta International  combatte con ogni mezzo.

Ma ancor di più  sconvolge le coscienze di una società di diritto come la nostra, perché la legge del paese di Hirut, nella pratica non se la sente di contraddire la tradizione tribale avvertita come più legittima della legge stessa. Sull’esempio di Meaza, l’avvocato donna che difende la sua vita e a la sua dignità, la riflessione di tutti che i diritti vanno difesi nella quotidianità come l’applicazione effettiva della legge.

Alla proiezione era presente l’Assessore alle pari opportunità del Comune Attilia Gullino che ha sottolineato  la capacità di Zonta Saluzzo di far relazione nella comunità, per il suo miglioramento.

La proiezione si è inserita nel programma Storie di  (Dis) pari Opportunità, organizzata nel mese della Festa della donna in  collaborazione fra  Comune, Associazioni ed Enti che fanno parte della Consulta comunale e della rete contro la violenza alle donne.

La rassegna continua con i seguenti appuntamenti

 

Venerdì 9 marzo, alle 17,30 - Scuola Alto Perfezionamento Musicale “Donne che scrivono” Percorso di lettura a cura di Libriamoci. Coordina Mariella Carena, nell’ambito di “Un libro per the”.

Sabato 10 marzo, tutto il giorno “la violenza sulle donne è pane quotidiano” I panettieri saluzzesi offriranno il pane che verrà distribuito dall’Associazione Mai+Sole come atto simbolico di sensibilizzazione,nei sacchetti che recano lo slogan e i numeri di aiuto dell’associazione.

Da sabato 17 a sabato 31 marzo al museo civico Casa Cavassa “Libere e sovrane, 21 donne che hanno fatto la Costituzione” mostra itinerante a cura di Anpi sezione Saluzzo

Mercoledi’ 21 marzo, alle 9,30, ritrovo in via don Soleri per la XXIII Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Corteo “Terra, solchi di verità e giustizia” . A cura di Libera Piemonte

Giovedì 22 marzo, alle 21 al Teatro Magda Olivero “Quello che le donne non dicono”, spettacolo teatrale a cura del Rotary club Saluzzo Il ricavato, su offerta libera, verrà devoluto all’associazione Mai + sole

Lunedì 26 marzo, alle  21 Cinema Italia “Tutto parla di te” Proiezione del film di Alina Marazzi a cura di Fidapa Saluzzo. Ingresso libero.

 

vilma brignone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore