/ Agricoltura

Agricoltura | 19 marzo 2018, 13:30

La Fiera della Meccanizzazione agricola a Savigliano si conferma evento di eccellenza in uno dei settori strategici dell'economia

Sfiorate le 50mila presenze nonostante il meteo poco favorevole; espositori da tutta Italia e dall'estero

La Fiera della Meccanizzazione agricola a Savigliano si conferma evento di eccellenza in uno dei settori strategici dell'economia

Si è conclusa con un buon riscontro di pubblico la 37° Fiera Nazionale della Meccanizzazione Agricola, svoltasi a Savigliano dal 15 al 18 marzo 2018. Nonostante le condizioni meteo non sempre favorevoli, la manifestazione ha sfiorato le 50.000 presenze (per il primo anno conteggiate dal sistema dei tornelli).

Si sono susseguiti, infatti, visitatori provenienti non solo dall’Italia ma anche da Tunisia, Ungheria, Irlanda, Ucraina, Albania, Macedonia, Serbia, Germania a dimostrazione del carattere internazionale della manifestazione.  

Questa edizione, guidata nella programmazione e nella realizzazione dagli ideali di innovazione e internazionalizzazione, ha potuto confermare la rilevanza della Fiera di Savigliano, fondamentale vetrina commerciale, di approfondimento e di innovazione di uno dei settori più strategici dell’economia italiana ed europea.

Ancora per il prossimo triennio, infatti, le previsioni del Fondo monetario internazionale indicano tassi di crescita del 5,8% annuo a livello globale, dopo il 2017 che si è chiuso confermando il trend positivo. Secondo i dati di FederUnacoma - elaborati sulla base delle immatricolazioni registrate presso il Ministero dei Trasporti – l'anno appena concluso ha visto inoltre un boom di immatricolazioni senza precedenti: +23,7% per le trattrici e +24,4% per le motoagricole. La crescita si è verificata anche in Piemonte, dove si è registrata una buona crescita (+17,5%) nelle immatricolazioni.

La provincia di Cuneo, in particolare, si conferma all’avanguardia nel seguire le tendenze e i percorsi innovativi più promettenti per il futuro del settore e la Fiera Nazionale di Savigliano ne incarna i valori, con 344 espositori da 34 province italiane, oltre che da Tunisia, Ungheria e Irlanda, distribuiti su una superficie di oltre 49 mila metri quadrati.  

In occasione dell’inaugurazione della Fiera si è tenuta anche la premiazione del rinomato Concorso delle Novità Tecniche, affiancato dall’assegnazione del premio “Imprenditore dell’Anno”, giunto alla seconda edizione. Alla cerimonia di inaugurazione sono intervenuti: Giorgio Ferrero - Assessore Regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca; Giulio Ambroggio - Sindaco di Savigliano; Andrea Coletti - Presidente Ente Manifestazioni; Luca Crosetto - Presidente ARPROMA e Presidente Provinciale Confartigianato Cuneo; Emanuele Regis - Direttore Banca CRS; Ferruccio Dardanello - Presidente della Camera di Commercio di Cuneo; Marco Costamagna – Presidente sezione Meccanica di Confindustria Cuneo; Danilo Todini – Coldiretti, Segretario di Zona.

Grande novità dell’edizione 2018 è “Oltre le macchine, gli uomini”: l’innovativo progetto di storytelling agricolo attraverso cui si è voluto portare sui canali media tradizionali e sulle piattaforme social la storia di uomini di ieri e di oggi il cui operato passa attraverso l’evoluzione della meccanizzazione in ambito agricolo. Il progetto è culminato nella realizzazione di un video, ad opera di Paolo Gai e Manuela Anfosso, che è stato proiettato nel padiglione Agrimedia.  

Nei quattro giorni della Fiera c’è stato ampio spazio per approfondire le tematiche di maggiore interesse e le più recenti novità del settore grazie agli incontri ospitati nell’Area Agrimedia, che hanno registrato un’ottima partecipazione di pubblico. Il convegno di apertura della Fiera, organizzato da Confindustria Cuneo, ha offerto l’occasione per presentare le novità del Piano nazionale Industria 4.0. Allo stesso modo, l’incontro organizzato da ARPROMA Confartigianato Cuneo, Coldiretti e CNR-IMAMOTER ha permesso di fare il punto sulla Mother Regulation; mentre un altro convegno organizzato dal CNOS – FAP di Savigliano ha dato spazio alla presentazione di progetti formativi in grado di agevolare l’assunzione di giovani sul territorio cuneese.

La Capello Srl di Cuneo, con la collaborazione dell’Archivio Storico “Pietro Laverda” di Breganze, ha organizzato un seminario consacrato alla mietitrebbia, protagonista anche del libro Mietitrebbie dal mondo scritto da Angelo Benedetti, Piergiorgio Laverda e Albert Kunstetter. Tra gli ospiti della 37ª edizione c’è stato, poi, Chris Bangle, che ha moderato insieme a Laura Milani la tavola rotonda sulle potenzialità del design organizzata in collaborazione con lo IAAD, l’Istituto di Arte Applicata e design di Torino. Come da tradizione, inoltre, ARPROMA e Confartigianato Cuneo hanno organizzato il convegno “Macchine Agricole ed Export”, dedicato alle possibilità di internazionalizzazione per i costruttori di macchine agricole. Durante l’incontro, relatori ucraini e tunisini hanno presentato dati ufficiali dei rispettivi paesi che evidenziano grandi potenzialità per le aziende italiane di esportare in questi mercati.  

Per l'ottavo anno consecutivo, poi, in collaborazione con CEIPiemonte, la Fiera ha promosso gli incontri business to business - che per la prima volta si sono svolti all'interno dei padiglioni della Fiera. Agli incontri hanno partecipato operatori esteri provenienti da Albania, Macedonia, Serbia, Ucraina, che hanno incontrato costruttori di macchine agricole del Piemonte, in particolare della Provincia di Cuneo, per un totale di circa 140 appuntamenti pre-pianificati.  

Le tematiche trattate nei vari incontri - parallelamente agli accordi di gemellaggio firmati in dicembre con il SIAT Tunisino - dimostrano quanto innovazione e internazionalizzazione costituiscano le linee guida per le prospettive presenti e future della Fiera della Meccanizzazione Agricola: pur mantenendo un forte legame con la tradizione a cui il mondo agricolo è collegato, la Fiera ha saputo rinnovarsi e fare propria la profonda riorganizzazione che negli ultimi anni sta interessando l’agricoltura. In questo contesto, l’Ente Manifestazioni lavora tutto l’anno per garantire che la Fiera possa continuare a crescere e parlare sempre più a interlocutori italiani e stranieri.  

Sebbene la 37^ edizione della Fiera si chiuda oggi, gli appuntamenti proseguiranno con “Tracce”, il programma culturale off - promosso e organizzato da Fondazione ARTEA e Comune di Savigliano in collaborazione con l’Ente Manifestazioni - che dal 15 marzo al 15 aprile porterà in città un ricco programma di eventi tra cinema, musica, teatro, food, musei, mostre e patrimonio.      

Dichiara Andrea Coletti, Presidente dell’Ente Manifestazioni: “Nonostante le condizioni climatiche avverse possiamo ritenerci molto soddisfatti: tutti gli espositori hanno lavorato bene, e l’interesse dimostrato dal pubblico ne attesta il livello di altissima qualità. La Fiera continua a guardare a innovazione e internazionalizzazione, nella convinzione che siano i concetti chiave per assicurarle anche in futuro il ruolo di primo piano che ha ricoperto nel settore per 37 anni. La squadra dell’Ente Manifestazioni ha lavorato con professionalità e passione, per garantire una buona riuscita dell’evento. Abbiamo riscontrato alcune criticità logistiche – aggravate dalle condizioni meteo che hanno reso inutilizzabili i campi - rappresentate dalla carenza di parcheggi in prossimità dell’area fieristica, ma ci auspichiamo che per le prossime edizioni il Comune di Savigliano possa aiutare la Fiera a trovare una soluzione per evitare che la manifestazione ne venga penalizzata.”  

Aggiunge Luca Crosetto, Presidente di A.R.PRO.M.A. e Vice Presidente Confartigianato Imprese Cuneo: “Anche quest’anno la Fiera ha mantenuto quelle che erano le aspettative dei visitatori che hanno voluto sfidare le intemperie. Fatta salva la giornata di venerdì, purtroppo gli altri giorni sono stati caratterizzati da intenso maltempo, ma chi ha potuto essere presente ha sicuramente avuto occasione di vedere macchinari di ultima generazione, in linea con quella che viene definita impresa 4.0: anche nel mondo della meccanizzazione agricola arriva una tecnologia molto avanzata che ci permetterà di raggiungere migliori risultati qualitativi abbattendo i costi e aiutando chi lavora nel settore. Quella di Savigliano si conferma una Fiera intenzionata a guardare all’innovazione e soprattutto ad essere pronta ad affrontare le richieste e le sfide future. Un plauso all’organizzazione che ha permesso di arrivare a questo tipo di risultato, con una riflessione, in ottica futura e per garantire alla Fiera il suo ruolo di rilievo nel settore, sulle necessità che non potremo più rimandare: la situazione parcheggi e il posizionamento di una parte di espositori ancora su area non asfaltata.”  

Questa edizione della Fiera è l’ultima curata dall’attuale Consiglio di Amministrazione dell’Ente Manifestazioni – in carica da novembre 2014 – che a maggio sarà sostituito in occasione dell’approvazione del bilancio 2017 da parte dell’Assemblea dei Soci (Comune di Savigliano e Banca CRS).

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium