/ Sanità

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | 20 marzo 2018, 22:48

Cuneo comincia a pensare al nuovo ospedale: formata la commissione temporanea dedicata... ma con quale scopo?

Dopo l’apertura di ieri (lunedì 19 marzo) dell’assessore regionale Antonio Saitta, il consiglio comunale del capoluogo è tornato sulla questione: la neonata commissione, però, cosa sarà chiamata a fare a questo punto?

Cuneo comincia a pensare al nuovo ospedale: formata la commissione temporanea dedicata... ma con quale scopo?

Si è tornati a parlare del futuro della sanità cittadina, nel corso del consiglio comunale di Cuneo (nella seduta di lunedì 19 marzo); dopo aver approvato il precedente ordine del giorno dedicato alla creazione di una commissione temporanea apposita, infatti, si è portata la questione in assemblea per definirne i compiti e la conformazione effettiva. 

La commissione, che sarà formata dai seguenti consiglieri comunali Carmelo Noto, Gianfranco Demichelis, Carlo Garavagno, Tiziana Revelli, Alessandro Spedale, Alberto Coggiola, Luca Paschiero, Enrico Arnaudo, Umberto Fino, Luca Pellegrino, Silvano Enrici (per la maggioranza) e Ugo Sturlese, Maria-Luisa Martello, Silvia Maria Cina, Massimo Garnero, Valter Bongiovanni, Beppe Lauria e Laura Menardi (per la minoranza), dovrà analizzare lo stato della sanità integrata con riferimento alla struttura dell’ospedale Santa Croce e Carle per sottolinearne l’idoneità funzionale.

Ieri sera, in apertura della discussione degli ordini del giorno Federico Borgna ha preso la parola per portare all’attenzione dei consiglieri riuniti la dichiarazione di totale apertura dell’assessore regionale Antonio Saitta rispetto alla realizzazione di un nuovo ospedale all’interno del comune di Cuneo. “L’assessore si è detto più che disposto all’apertura di un largo tavolo di lavoro finalizzato alla realizzazione di uno studio di fattibilità dedicato all’offerta sanitaria - ha detto il primo cittadino cuneese - , secondo le disposizioni del nuovo decreto ministeriale, facendo riferimento alla costituenda commissione legata proprio al nuovo ospedale.

I consiglieri Martello, Isoardi, Fierro e Sturlese hanno subito chiesto delucidazioni sui compiti e sulle metodologie di lavoro della commissione stessa, a fronte di questi recenti sviluppi: “La decisione dell’amministrazione sembra essere stata già presa, quindi come si innesta l’esistenza della commissione'+/1,?

A seguito di quanto successo ieri, credo la commissione nasca proprio nel momento giusto - ha detto Pellegrino - . L’apertura, importante, della Regione, è stata fatta in un convegno... ma concretizzarla è tutt’altra cosa. Possiamo far arrivare in Regione un documento importante, che possa dare davvero il là a tutta la questione.

Federico Borgna ha quindi chiesto la parola: “Le dichiarazioni riportate su alcuni giornali mi sorprendono: l’assessore Saitta, prima di sostenere l’ospedale, ha fatto un lungo ragionamento sull’edilizia ospedaliera che serviva come contestualizzazione alla stessa. Vero, di fatto è la Regione che deciderà se a Cuneo serva o no un nuovo ospedale. La funzione comunale, però, è quella di realizzare il Piano Regolatore, un ruolo chiave che deve essere sinergico a quello della Regione: creare un punto di contatto tra cittadinanza, territorio e amministrazione regionale è molto importante. Per questo la commissione continua ad avere un senso importante; la sfida lanciata dall’assessore Saitta non può essere lasciata cadere.

L’ordine del giorno è stato votato in modo positivo con tutti voti favorevoli.

s.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium