/ Cronaca

Cronaca | martedì 20 marzo 2018, 15:14

Mondovì, lite fra vicini di casa: condannati per lesioni madre e figlio

L’episodio avvenne nel 2015. La vittima, una donna, non si è presentata nel processo

Mondovì, lite fra vicini di casa: condannati per lesioni madre e figlio

L.D. e I.D., madre e figlio di origine albanese, sono stati condannati dal tribunale di Cuneo rispettivamente a 6 e 9 mesi di reclusione per lesioni personali. Assolto il marito G.T., italiano. La famiglia era stata denunciata da una vicina di casa che nel 2015 li aveva accusati di averla aggredita nella sua abitazione di Mondovì.

La parte offesa, anch’essa di origine albanese, non si era fatta vedere nel processo. In sede di querela aveva raccontato che la vicina L.D. le aveva suonato il campanello. Quando le aveva aperto la porta l’altra l’aveva colpita con un ombrello e poi presa a calci e pugni. A dar man forte alla D. sarebbero arrivati anche il figlio I.D. e il marito G.T..

In dibattimento prove concrete della partecipazione all’aggressione per quest’ultimo non ne erano emerse. Le forze dell’ordine, intervenute in un secondo momento, avevano visto la vittima con un labbro tumefatto.

Secondo la difesa la persona offesa aveva riferito i fatti in modo contraddittorio, unico testimone suo marito che però non aveva assistito direttamente all’aggressione. Quando erano intervenuti i carabinieri l’avevano sì trovata ferita, ma le lesioni potevano essere precedenti ai fatti.


Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore