/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 21 marzo 2018, 15:15

Cuneo, il Parco Fluviale verrà ampliato e cambiato in area naturalistica: il consiglio comuale approva

Nel corso della seduta di ieri (20 marzo), tutti i consiglieri hanno valutato positivamente l'ordine del giorno illustrato dall'assessore Luca Serale: stoccate da più parti al comune "sabotatore" di Boves

Foto generica

Foto generica

Il progetto per l’ampliamento territoriale del Parco Fluviale Gesso e Stura e la sua trasformazione in area naturalistica erano già state presentate alla relativa commissione consiliare nelle scorse settimane ma stasera (19 marzo) sono state fattualmente illustrate nel corso della prima seduta del consiglio comunale di Cuneo. 

Il passaggio è importante anche dal punto di vista del possibile accesso a fondi europei”, ha sottolineato Davide Dalmasso nel suo intervento di apertura. 

Aniello Fierro si è dimostrato propositivo alla delibera dell’assessore: “Voglio esprimermi a favore dell’ordine del giorno, per tutto il lavoro e le attività fatte nel corso del tempo sul Parco Fluviale, investimento importante che tocca uno degli elementi più belli della nostra città. Stigmatizzo infatti il comportamento del comune di Boves, sabotatore del progetto quando avrebbe tutti gli interessi a farne parte.”. “Il Parco Fluviale è una sorta di miracolo, un progetto dal costo praticamente inesistente - ha detto Ugo Sturlese - : un esempio più che positivo di gestione collettiva e partecipata di un bene comune, che sarebbe da sfruttare anche in altri tipi di situazioni.

Favorevole anche Gianfranco Demichelis: “Condivido in pieno l’estensione del Parvo Fluviale, che è uno dei fiori all’occhiello di Cuneo. Sarebbe però interessante venisse potenziata anche l’offerta sportiva, magari con l’introduzione di eco-maratone o gare in mountain-bike a livello regionale e oltre; competizioni di questo tipo portano non solo partecipanti da altri comuni, ma garantirebbero un ritorno turistico.”. “Un’opportunità importante, nel senso di punto d’incontro di un territorio”, ha aggiunto Manuele Isoardi.

Con 28 voti a favore su 28, l’ordine del giorno è passato.

s.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium