/ Attualità

Attualità | 21 marzo 2018, 14:14

La strada che non c'è: via Basse Sant'Anna aspetta da un anno il cartello che la identifichi

L'assessore competente Luca Serale: "Ho dato disposizione agli uffici competenti, il problema verrà risolto a breve"

La strada che non c'è: via Basse Sant'Anna aspetta da un anno il cartello che la identifichi

Ci ha scritto il signor Valter, che vive in via Basse Sant'Anna a Cuneo. Nella sua lettera, in modo pungente, evidenzia come la sua strada, non solo sua ovviamente, da oltre un anno ci sia una palina (come da immagine) sul quale però non è mai stato posizionato il cartello con il nome della via.

Scrive: "Per chi non lo sapesse via Basse Sant'Anna è la strada che dalla rotonda della piazza Foro Boario porta al ponte Vassallo passando sotto le arcate del viadotto Soleri. Probabilmente il Comune non ha voluto segnalarne il nome coerentemente con quanto ha fatto negli anni per il Quartiere....NULLA".

Luca Serale, assessore competente, sulla questione cartello ci rassicura: "Mi sono attivato con gli uffici competenti e ho dato disposizioni perché il cartello venga posizionato in tempi brevi".

Ma le "lamentele" del signor Valter non sono finite: "La strada è utilizzata come parcheggio libero e selvaggio, il marciapiede è presente solo nella parte alta della strada, perché poi si perde nel nulla. Mai sgomberato dalla neve, le griglie di scolo acque piovane sono sfondate, l'eccessiva velocità dei veicoli in transito mai fatta rispettare, le aree verdi e le scarpate spesso utilizzate come discarica di rifiuti.Qui mi fermo, anche se l'elenco sarebbe ancora lungo, aggiungo soltanto che la strada è l'accesso naturale dal centro città al parco Fluviale lato Stura ma, sicuramente, non essendo così "nobile" come il lato Gesso con accesso da viale Angeli, è stato dimenticato. Speriamo che la primavera risvegli la memoria dell'amministrazione comunale e che vengano realizzate nella nostra strada le poche e semplici migliorie di messa in sicurezza che i residenti chiedono da troppi anni".

Sulla questione ancora Serale: "Non possiamo fare nulla per il marciapiede, perché l'ampiezza della strada non consente di prolungarlo per tutta la sua estensione. Quanto alle altre cose evidenziate dal signore, faremo più attenzione alla questione del parcheggio selvaggio e alle tante cose evidenziate".

bsimonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium