/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

In ottime condizioni! Includo bauletto e 2 caschi taglia M e S. Visibile a Pinerolo. Per info contattatemi al n....

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 21 marzo 2018, 17:28

Linea Cuneo-Ventimiglia, non c'è la squadra per le verifiche, niente SCMT sul lato francese: per Balocco i cugini "boicottano i lavori"

Parla, o meglio scrive sulla sua pagina Facebook, l'assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco

Foto generica

"Non sono per niente rassicuranti le notizie che arrivano da SNCF Reseau, la società Francese omologa di RFI, che sta realizzando i lavori di messa in sicurezza della linea Cuneo-Ventimiglia finanziati dal Governo Italiano. Dopo mesi di chiusura della tratta, che dovrebbe riaprire a maggio, apprendiamo con sorpresa e sconcerto che questa riapertura avverrà senza che sia stato installato il sistema SCMT, sul lato francese. Il protocollo prevedeva infatti la doppia installazione dei sistemi di sicurezza DAAT (il sistema adottato dalle ferrovie transalpine) sul lato Italiano e SCMT (lo standard RFI) sul lato francese."

Ritorna a parlare di viabilità ferroviaria, e in particolare di quella tra Italia e Francia e che coinvolge anche la nostra provincia di Cuneo, l'assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco, con un post dai toni più che polemici sulla propria pagina facebook personale.

"Disarmante la motivazione adotta dai tecnici francesi: non sarebbe disponibile la squadra in grado di verificare il sistema prima di gennaio 2019 - si legge ancora all'interno del post - . Se la notizia fosse confermata sarebbe l’ennesima dimostrazione che i francesi, dopo aver “intascato” i soldi per i lavori, in sfregio alle tempistiche concordate, e dopo aver assicurato per mesi il rispetto del cronoprogramma, stanno facendo di tutto per boicottare la linea. La conseguenza pratica sarebbe che ovviamente non verrebbero ridotte le limitazioni di velocità a 40 km/h, non sarebbe eliminato l’obbligo del doppio operatore di macchina, vanificando di fatto i lavori svolti."

"Io voglio pensare che la situazione si risolva e che entro la prossima settimana questa farsa rientri (abbiamo richiesto che entro il 24 ci sia fornita una risposta scritta sulla questione). Altrimenti credo che non si possa rimanere in silenzio e che si convochi subito la CIG (come avevo già richiesto anche sulla questione tunnel stradale), anche perché sul fronte del rinnovo della convenzione l’atteggiamento dei francesi (in questo caso ancora SNCF e governo), dopo le rassicurazioni ricevute, rende tortuosa la strada per il rilancio di questa linea, nonostante gli sforzi della regione e dei territori interessati."

"Dopo la mia dura presa di posizione prima della riunione della commissione tecnica che si è riunita a metà febbraio e dalla quale la Regione è stata esclusa per volontà francese (insieme alla PACA che condivide invece le nostre stesse posizioni e alla quale abbiamo scritto), la bozza di convenzione riproposta, non tiene infatti in nessun conto le osservazioni e le richieste da noi presentate - conclude Balocco - . Anche questo non è un bel segnale."

r.t.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore