/ Attualità

Attualità | 21 marzo 2018, 11:45

Manca “solo” il nulla osta del Ministero per il riutilizzo dell’ex Tribunale di Saluzzo

L’immobile ospiterà Giudici di pace, Parco del Monviso, Centro per l’impiego, Servizio veterinario Asl e Polizia stradale

Il trasloco degli uffici del Tribunale di Saluzzo

Il trasloco degli uffici del Tribunale di Saluzzo

“Solo” più il nulla osta del Ministero di Giustizia separa la Città di Saluzzo dall’avere il suo “nuovo” polo di uffici pubblici, che nascerà nei locali ormai dismessi dell’ex Tribunale.

Se n’è parlato durante l’assemblea dell’Associazione “Insieme si può”, anche su sollecitazione di alcuni presenti, che hanno chiesto tempi sul riutilizzo dell’ex Palazzo di Giustizia, che “anche se vuoto rappresenta pur sempre un costo”.

Uno spazio di 4400 metri quadrati.

Al pian terreno continuerà ad ospitare i Giudici di Pace, che – come ha spiegato il sindaco Mauro Calderoni – “verranno implementati”.

I restanti locali saranno invece destinati agli uffici del Parco del Monviso, del Centro per l’impiego, del Servizio veterinario dell’Asl Cn1 e della Polizia stradale.

La Polstrada, infatti, è da tempo sotto sfratto, costretta a lasciare l’attuale sede di via Cuneo. Il “caso” era diventato anche politico, approdando ai banchi del Consiglio comunale con alcune interrogazioni dell’opposizione.

Manca solo, quindi, l’autorizzazione definita del Ministero.

Nonostante la proprietà sia in capo al Comune – ha specificato Calderoni – per il riutilizzo dell’immobile serve l’‘ok’ del Ministero. La Commissione locale si è già espressa favorevolmente, demandano poi il parere definitivo. Quando l’operazione di trasferimento degli uffici sarà conclusa, si allargherà l’area commerciale di 250 metri in direzione Savigliano”.

Impossibile, dunque, allo stato attuale delle cose, fare previsioni sulle tempistiche

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium