/ Alba e Langhe

Spazio Annunci della tua città

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Che tempo fa

Cerca nel web

Alba e Langhe | lunedì 16 aprile 2018, 19:01

Montelupo Albese saluta Ribes, il partigiano Enrico Berchialla

Il ricordo di Ughetta Biancotto, presidente provinciale Anpi

E' mancato a 91 anni Enrico, nome di battaglia "Ribes", uno degli ultimi partigiani e patrioti di Montelupo Albese.

Il ricordo di Ughetta Biancotto, presidente Anpi provinciale: "Lo abbiamo salutato sabato 14 aprile nel suo paese che tanto ha amato. Ci eravamo visti nel 70° anniversario della Liberazione quando ricevette dal Ministro della difesa Roberta Pinotti la Medaglia della Liberazione. Era fiero ed orgoglioso di aver avuto quel riconoscimento consegnato ai Partigiani ancora viventi. Di famiglia contadina, a soli 16 anni, decise di far parte della 3a Divisione langhe di Giustizia e Libertà, dopo che i nazifascisti che imperversavano nella Langa Albese bruciarono ed incendiarono il paese. Era il gennaio del 1944. Nei suoi ricordi, ancora vivi, c'è la morte di due partigiani  di Montelupo: erano suoi amici. La sua casa e le case furono inservibili e tanti abitanti dovettero abbandonarle e rifugiarsi da vicini e parenti. Il suo impegno per la Libertà e per la democrazia continuò anche nel dopoguerra quando si dovette ricostruire il paese, le strade, le scuole e tutti i servizi collegati. Era fiero di aver portato l'acqua potabile nel paese di Montelupo. Dopo la Liberazione  Enrico, si impegnò come amministratore nel suo comune fino a diventare per anni vicesindaco. Il suo impegno civile lo continuò nei Donatori di  Sangue e in altre attività sociali e culturali, sempre nella solidarietà e nei valori di giustizia, di  libertà e di pace"

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore