/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Da ristrutturare, su due piani con cantina interrata, portico annesso e garage esterno a parte, con terreno annesso di...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 16 aprile 2018, 14:03

Serie di furti in abitazioni a Montoso, pregiudicato condannato a 2 anni e 11 mesi con rito abbreviato

Il giudice ha inoltre stabilito che, dopo aver scontato la pena, l'uomo sarà assegnato per altri 2 anni ad una “casa di lavoro” perché riconosciuto delinquente abituale. Il complice ha patteggiato 2 anni

I sei furti, di cui uno soltanto tentato, furono messi a segno nella notte del 13 marzo 2018 nella località di Montoso. Un abitante del luogo aveva segnalato la presenza di due individui che stavano cercando di introdursi in un’abitazione e che erano fuggiti a bordo di un’auto e aveva lanciato l’allarme. I carabinieri delle stazioni di Bagnolo Piemonte e di Paesana avevano subito localizzato e bloccato la vettura con a bordo due persone.

Sul mezzo avevano trovato una quantità impressionante di oggetti d’ogni tipo: attrezzi per giardinaggio, suppellettili, capi di vestiario, bottiglie di vino, bigiotteria e perfino un tamburo etnico. I fermati non seppero dare giustificazioni del perché tutta quella roba fosse ammucchiata in macchina.

M. M., 45 anni pregiudicato residente nel Pinerolese, è stato condannato per furto aggravato dal tribunale di Cuneo a 2 anni e 11 mesi di reclusione con rito abbreviato, a fronte di una richiesta da parte del pm Raffaele Delpui di 4 anni e 4 mesi.

Il giudice ha inoltre stabilito che dopo aver scontato la pena M. sarà assegnato per altri 2 anni ad una “casa di lavoro” perché riconosciuto delinquente abituale.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore