/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

In ottime condizioni! Includo bauletto e 2 caschi taglia M e S. Visibile a Pinerolo. Per info contattatemi al n....

Affittasi trilocale 4/6 posti letto in Residence Blue Marine. Uso degli impianti sportivi piscina tennis bocce palestra...

Km reali iscritta ASI con CRS (possibilita` di pagare meno di assicurazione e dal 2020 tariffa ridotta anche sul bollo)...

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 16 aprile 2018, 14:03

Serie di furti in abitazioni a Montoso, pregiudicato condannato a 2 anni e 11 mesi con rito abbreviato

Il giudice ha inoltre stabilito che, dopo aver scontato la pena, l'uomo sarà assegnato per altri 2 anni ad una “casa di lavoro” perché riconosciuto delinquente abituale. Il complice ha patteggiato 2 anni

I sei furti, di cui uno soltanto tentato, furono messi a segno nella notte del 13 marzo 2018 nella località di Montoso. Un abitante del luogo aveva segnalato la presenza di due individui che stavano cercando di introdursi in un’abitazione e che erano fuggiti a bordo di un’auto e aveva lanciato l’allarme. I carabinieri delle stazioni di Bagnolo Piemonte e di Paesana avevano subito localizzato e bloccato la vettura con a bordo due persone.

Sul mezzo avevano trovato una quantità impressionante di oggetti d’ogni tipo: attrezzi per giardinaggio, suppellettili, capi di vestiario, bottiglie di vino, bigiotteria e perfino un tamburo etnico. I fermati non seppero dare giustificazioni del perché tutta quella roba fosse ammucchiata in macchina.

M. M., 45 anni pregiudicato residente nel Pinerolese, è stato condannato per furto aggravato dal tribunale di Cuneo a 2 anni e 11 mesi di reclusione con rito abbreviato, a fronte di una richiesta da parte del pm Raffaele Delpui di 4 anni e 4 mesi.

Il giudice ha inoltre stabilito che dopo aver scontato la pena M. sarà assegnato per altri 2 anni ad una “casa di lavoro” perché riconosciuto delinquente abituale.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore