/ Economia

Economia | lunedì 16 aprile 2018, 10:10

Smaltimento Rifiuti Speciali: Normativa e procedura

I rifiuti sono tutte le sostanze e gli oggetti di scarto prodotti dalle attività umane o da cicli naturali. Si dividono tra quelli urbani e speciali a seconda della loro origine.

Smaltimento Rifiuti Speciali: Normativa e procedura

I rifiuti sono tutte le sostanze e gli oggetti di scarto prodotti dalle attività umane o da cicli naturali. Si dividono tra quelli urbani e speciali a seconda della loro origine.

I rifiuti speciali sono i prodotti di scarto di aziende ed industrie che si differenziano da quelli urbani per il fatto di non poter essere gestiti dalle pubbliche amministrazioni, ma devono essere raccolti e trattati da aziende private.

È importante sapere quali sono le categorie e come comportarsi per lo smaltimento rifiuti speciali ed evitare di gettarli nella normale raccolta differenziata o seguendo procedure sbagliate particolarmente pericolose per l'ambiente.

 

QUALI SONO I RIFIUTI SPECIALI

Stando alle normative, appartengono alla categoria di rifiuti speciali tutti quelli presenti nel seguente elenco:

 

-Rifiuti prodotti dalle attività di demolizione, costruzione e scavo.

-Rifiuti prodotti dalle attività agricole e agro-industriali

-Rifiuti prodotti dalle attività industriali, artigianali e di tipo commerciale

-Rifiuti prodotti dalle attività di servizio

-Rifiuti prodotti dalle attività di recupero e smaltimento (per esempio fanghi o scarti derivanti dalla depurazione di acque reflue)

 

A sua volta i rifiuti speciali possono essere divisi tra pericolosi e non pericolosi a seconda della presenta di elevate dosi di sostanze inquinanti.

Tra i principali rifiuti speciali pericolosi troviamo:

 

-Oli esausti

-Solventi

-Prodotti di scarto da processi chimici industriali

-Prodotti di scarto della raffinazione del petrolio

-Prodotti di scarto dell'industria fotografica

-Prodotti di scarto dell'industria metallurgica

-Rifiuti prodotti da attività medico veterinarie

-Rifiuti prodotti dalla produzione tessile e conciaria

 

NORMATIVA CHE REGOLA I RIFIUTI SPECIALI E IL LORO SMALTIMENTO

La normativa che disciplina la gestione dei rifiuti è il D.lgs 152/06. All'interno ci sono tutti gli articoli che stabiliscono le varie tipologie di rifiuti e i metodi consentiti per la raccolta e il successivo smaltimento.

 

COME COMPORTARSI IN CASO DI RIFIUTI SPECIALI

I soggetti che devono smaltire rifiuti speciali devono rivolgersi direttamente a ditte private specializzate. Si tratta di società che si occuperanno di tutta la trafila dalla raccolta fino allo smaltimento, garantendo la massima sicurezza.

Il cittadino che ha per esempio delle batterie, dell'olio esausto o qualsiasi altro rifiuto speciale da smaltire, può rivolgersi al proprio comune per chiedere informazioni sulle "isole ecologiche". Sono luoghi opportunamente attrezzati per accogliere piccole quantità di rifiuti speciali pericolosi.

 

A CHI RIVOLGERSI PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

Ci sono moltissime società che offrono il servizio di raccolta e smaltimento di tutti i rifiuti speciali. In rete si possono trovare diversi siti di aziende specializzate dove poter trovare informazioni a riguardo. Una di queste è https://www.ecorecupero.it/ specializzata nella raccolta, trasporto, recupero e/o smaltimento dei rifiuti speciali prodotti in ufficio. Se avete la necessità di smaltire toner o cartucce esauste, computer, monitor, macchinari per ufficio, carta, cartone e documenti riservati sapete a chi rivolgervi.

Altre società offrono invece servizi per l'industria e specifici per determinati settori, tutto svolto nell'assoluto rispetto delle leggi vigenti e della tutela ambientale.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore